Problemi post parto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/09/2012 Aggiornato il 04/09/2012

Risponde: Dottor Filippo Murina

Una domanda di: Ilaemattia
Buongiorno dottore, sono mamma da tre mesi e al momento del parto ho subito l'episiotomia. Ho ricominciato da poco ad avere rapporti con il mio compagno, ma sento molto dolore: dipende dal taglio? Passerà? E, nel caso, tra quanto non sentiró più male, o mi devo preoccupare?

Gentile signora, il dolore nei rapporti sessuali dopo il parto è molto frequente, specie in caso di lacerazione spontanea o provocata (episiotomia). Inoltre, ciò può essere accentuato da una situazione ormonale ancora non stabile, ancor di più in caso di allattamento. Generalmente il tutto si assesta nell'arco di circa 6 mesi, altrimenti è possibile intervenire in vario modo. Saluti, Murina

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti