Dolore ai rapporti sessuali

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 31/10/2012 Aggiornato il 31/10/2012

Risponde: Dottor Filippo Murina

Una domanda di: jen
Buonasera dottore, 4 mesi fa ho dato alla luce la mia prima figlia; circa 60 giorni dopo ho ripreso ad avere rapporti sessuali, all'inizio davvero dolorosi. Ho stretto i denti sperando che in breve il tutto si sarebbe sistemato ma cosi non è stato. Durante il rapporto soffro ancora parecchio. Sono stata dal mio ginecologo circa un mese fa e mi ha detto che il mio corpo è a posto e non ci sono problemi di natura medica. Mi ha
semplicemente consigliato un gel vaginale, ma il dolore persiste. Cosa posso
fare? Ho bisogno di un consiglio dal momento che sto diminuendo drasticamente
la frequenza dei rapporti per via di questo problema. Grazie

Gentile signora, dopo un parto per via vaginale è possibile che vi sia dolore ai rapporti sessuali, che persiste nel 20 per cento dei casi anche dopo 6 mesi dal parto. Questo è un po' il limite per intervenire in modo più incisivo dal punto di vista terapeutico. Molti sono i lubrificanti in commercio adatti a ridurre l'attrito e quindi il dolore in epoce precoci dall'espletamento del parto, come nel suo caso. Saluti

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti