Problemi al parto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 25/09/2012 Aggiornato il 25/09/2012

Risponde: Dottor Filippo Murina

Una domanda di: VALEFEDE
Ho avuto un parto cesareo due anni e mezzo fa perché, anche dopo vari tentativi, mi è stato detto che non si accorciava il collo dell'utero. È un problema che si ripeterebbe anche in una seconda gravidanza oppure non significa nulla? Inoltre, vorrei sapere se il trattamento che mi hanno fatto con il gel era utile nel mio caso.

L'uso di un gel a base di prostaglandine è un protocollo corretto per indurre le modificazioni che possono innescare un travaglio di parto. È più frequente, ma non obbligatorio, che una mancata modificazione del collo dell'utero si ripeta anche in una gravidanza successiva.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti