sandicat [uid:1096]

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/08/2012 Aggiornato il 09/08/2012

Risponde: Dottor Gaetano Perrini

Una domanda di: sandicat
Gentilissimo dottore, nove mesi fa ho partorito la mia prima bambina con taglio cesareo. Circa 24 ore dopo il parto ho avuto una crisi eclamptica caratterizzata da scotomi visivi (riduzione del campo visivo), convulsioni e rialzo pressorio improvviso (190/100). Premetto che in gravidanza non avevo mai avuto segni di gestosi né d'ipertensione o altri segni premonitori della crisi che si è poi verificata. L'unica cosa è stata l'insorgere di uno stato ansioso-depressivo di grado severo che ha caratterizzato il mio ultimo trimestre. Volevo chiederle se in una gravidanza successiva è possibile che il fenomeno si ripeta e se esistono modi per prevenirla.
Grazie per l'attenzione. Distinti saluti.

Cara signora, l'eclampsia è una possibile complicanza della gravidanza e talvolta del puerperio. Esiste la possibilità di ricorrenza del fenomeno nelle successive gravidanze e la letteratura scientifica lo quantifica in un 2% dei casi.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti