Taglio cesareo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 27/09/2012 Aggiornato il 27/09/2012

Risponde: Dottor Filippo Murina

Una domanda di: lauraxox
Gentile dottore, sono una mamma di 40 anni. Il 24 agosto è nato con il taglio cesareo il mio secondo figlio. Ho notato che l'addome si è molto sgonfiato rispetto ai primi giorni, ma la ferita continua a essere molto gonfia. Vorrei sapere se è il normale decorso e, se così fosse, quanto durerà e se devo avere degli accorgimenti particolari in questo periodo.

Gentile Signora, le più recenti tecniche di esecuzione del taglio cesareo riducono molto il traumatismo della parete addominale, con una cicatrizzazione più rapida e sequele meno invalidanti per la donna. È comunque sempre un intervento chirurgico, pertanto è possibile avere problemi con la ferita. Attenzione va posta in caso di rigonfiamenti progressivi, arrossamenti importanti e dolore ingravescente.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Fai la tua domanda agli specialisti