Risultato dell’ecografia poco chiaro

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/01/2018 Aggiornato il 15/01/2018

Il medico che esegue l'ecografia ha il dovere di spiegare alla donna il risultato dell'indagine, sia se va tutto bene sia se nutre dei dubbi sull'andamento della gravidanza.

Una domanda di: Francesca
Disturbo ancora in quanto ho fatto la prima ecografia e l’embrione è quasi (in data 8 gennaio) di 4 millimetri. Considerando l’ultimo ciclo mestruale il 19 novembre (ciclo di 29 giorni).. Sono rimasta un po’ delusa e anche preoccupata perché mi aspettavo all’inizio dell’ottava settimana qualcosa di più. Devo preoccuparmi? A che settimana quindi dovrei essere a questo punto? Grazie infinite.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora, mi sembra davvero strano che non le abbiano detto nulla rispetto alla datazione della gravidanza. Dalle dimensioni dell’embrione dovrebbe essere all’inizio della sesta settimana, non all’ottava. Un ritardo di concepimento ci può stare e se durante l’esame hanno evidenziato il battito cardiaco del feto con la giusta frequenza, semplicemente ed indipendentemente dal ritmo del suo ciclo, tutto può essere spiegato appunto con un concepimento in fase avanzata. Quello che non capisco è se le hanno o no dato spiegazioni in sede di esame, se la hanno rassicurata o viceversa le hanno detto cose che lei non mi riferisce. Mi meraviglierei se i colleghi non le avessero dato alcuna delucidazione, a fronte di una gravidanza che appare più indietro di circa due settimane rispetto alla data dell’ultima mestruazione. Di fatti, non può esistere che una donna vada a fare un esame e non abbia nessuna spiegazione rispetto a un risultato che non è ottimale e che quindi torni a casa con i dubbi che lei mi sta esprimendo. E’ un dovere medico argomentare il risultato, spiegare e anche, se è possibile, rassicurare. Non posso dunque dirle di più, ma credo senz’altro che sia suo diritto chiedere spiegazioni approfondite a chi ha condotto l’ecografia (in ogni caso, ci sarà un referto nel quale ci sono necessariamente le osservazioni del medico). Questo ovviamente se le spiegazioni non le sono state date, cosa che peraltro ritengo poco probabile. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti