Sintomi di gravidanza, ma il test è negativo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/10/2017 Aggiornato il 21/10/2017

Se c'è un ritardo e sintomi di gravidanza, conviene ripetere il test, effettuandolo con le prime urine del mattino. Se il test risulta negativo anche la seconda volta si deve pensare che i disturbi con cui si è alle prese siano dovuti ad altro.

Una domanda di: Teresa
Salve la contatto perchè non so più cosa pensare… io e il mio compagno siamo in cerca di un bambino… ultima mestruazione 21 settembre generalmente ho cicli che vanno dai 31 ai 33 35 giorni… ho assunto clomid dal 3° al 5° giorno… ad oggi ancora niente mestruazioni… ho un fortissimo mal di schiena nausea mal di stomaco da più giorni… ho fatto un clear blue digitale il 19 con la seconda urina del mattino ma risultato non incinta… potrebbe trattarsi di un falso negativo?? grazie dell\’attenzione. In attesa di un vostro riscontro le porgo cordiali saluti.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
il test di gravidanza è sempre bene eseguirlo con la prima urina del mattino o almeno dopo aver trascorso 4 ore senza aver urinato, quindi sicuramente il test è da ripetere. Se fosse ancora negativo, è possibile che i disturbi da lei riferiti siano legati all’utilizzo di Clomifene (Clomid). Questo preparato stimola la maturazione dei follicoli e con il suo impiego mal di schiene e al basso ventre ci possono stare. Lei riferisce anche male allo stomaco …. e se fossero disturbi legati ai “malanni di stagione”? E’ vero che lei finalizza tutti i disturbi alla sfera genitale ma siamo un organismo completo che può avere anche altri piccoli acciacchi…perché non farsi vedere dal suo medico di famiglia? Se vengono esclusi i malanni di stagione, allora le consiglio di fare un controllo dal suo ginecologo per valutare lo stato delle ovaie. Da parte mia mi auguro che il suo desiderio venga esaudito e, dunque, che il suo test di gravidanza sia positivo. Mi faccia sapere, se vuole.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti