Taglio cesareo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/09/2012 Aggiornato il 04/09/2012

Risponde: Dottor Filippo Murina

Una domanda di: carmendelrocio
Gentile dottore, ho 45 anni e sono al settimo mese di gravidanza. Ho avuto in precedenza due figli, il primo con parto cesareo, il secondo con parto naturale. Per la bambina che sta per nascere il mio ginecologo ha lasciato a me la decisione se fare il parto naturale o il cesareo. Considerando la mia età, che rischi ci sono nel fare il parto normale? La ringrazio in anticipo per la sua risposta. Carmen

Gentile Carmen, partorire per via vaginale dopo un taglio cesareo è possibile, è ciò può avvenire con successo fino all'85% circa dei casi. Ovviamente ci vuole qualche accorgimento riguardo la condotta del travaglio. L'età non è un problema molto rilevante, anche se può statisticamente ridurre un po' la percentuale di successo dell'espletamento del parto per via vaginale. Saluti

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccinazione in bimba di 5 anni: ci sono pericoli se la mamma è incinta?

04/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante la gravidanza non ci sono rischi se si sottopone il primogenito alla vaccinazione contro difterite-tetano-pertosse-poliomielite.  »

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti