Vaccino antiinfluenzale in gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/01/2018 Aggiornato il 25/11/2019

Il Ministero della Salute raccomanda la vaccinazione antiinfluenzale alle donne che aspettano un bambino: la malattia in gravidanza può essere molto pericolosa, mentre il vaccino non espone a rischi.

Una domanda di: Carmela
Sono incinta e la mia ginecologa mi ha fatto fare il vaccino antinfluenzale. Ora però mi sono venuti alcuni dubbi, soprattutto dopo aver sentito altre mamme a cui non è stato detto. Io ho seguito il consiglio della mia ginecologa senza neppure informarmi prima, poiché mi è stato detto da un medico. In più sul vostro sito, ci sono due articoli contrastanti: uno dice che bisogna vaccinarsi mentre l’altro dice che nei nove mesi non ci si può vaccinare. Questo mi ha causato ulteriore confusione. Potete aiutarmi? Grazie di cuore.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, riporto quanto raccomandato dal Ministero della Salute:
“Si ricorda l’importanza della vaccinazione antinfluenzale nelle donne nel secondo e terzo trimestre di gravidanza, la vaccinazione è loro offerta gratuitamente e l’OMS nel suo position paper più recente sull’influenza ritiene le gravide come il più importante dei gruppi a rischio per loro stesse e per il feto.” Quindi mi sento di confermarle il parere della sua ginecologa curante che, giustamente, le ha raccomandato la vaccinazione in gravidanza. Il vaccino cui lei si è sottoposta NON contiene germi vivi ma soltanto dei loro frammenti che consentono al suo organismo di preparare in anticipo le difese (gli anticorpi specifici) in modo da non contrarre la malattia o, al massimo, contrarla in forma blanda. Sembra inoltre che la protezione anticorpale possa proteggere non soltanto il feto ma anche il neonato nei primi mesi di vita. I vaccini controindicati in gravidanza sono quelli contenenti germi vivi e attenuati quali per esempio il vaccino per morbilloparotiterosolia o quello per varicella (mentre possono essere effettuati con sicurezza durante l’allattamento al seno). Spero di averla rincuorata, sono a sua disposizione se necessita ulteriori chiarimenti.
Cordialmente.
Nota della redazione: Gentile lettrice, abbiamo cercato nel nostro sito l’articolo in cui si afferma di non vaccinarsi contro l’influenza durante gravidanza ma non lo abbiamo trovato: se è sicura di averlo letto qui, può per favore dirci il titolo? Grazie davvero

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Fonti / Bibliografia

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti