Ginnastica prepuziale nei piccolissimi: perché non si deve fare?

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 08/05/2024 Aggiornato il 20/05/2024

Forzare il prepuzio di un piccolino a scendere verso il basso fino a scoprire il pene può essere pericoloso. la fimosi fisiologica è un meccanismo di difesa voluto dalla natura che fa sempre le cose per bene.

Una domanda di: Melania
Buongiorno Dottore.
Sono la mamma di un bimbo di 6 mesi e mezzo… volevo farle una domanda. So di mio che la ginnastica prepuziale non si fa più ai neonati, però volevo una conferma da un altro pediatra… La nostra pediatra di famiglia ci ha detto di non farla assolutamente perché in caso di manovre sbagliate si possono arrecare danni al bimbo… è vero? Cosa rischia il bambino?
La ringrazio anticipatamente per la sua gentile risposta.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora,
prima di tutto mi permetto di dirle che dovrebbe fidarsi della sua pediatra, le linee guida relative alla cura dei bambini sono le stesse per tutti e, creda, non c’è alcun interesse a disattenderle dando indicazioni fuorvianti e poco corrette. Nel primo anno di vita, la chiusura del prepuzio (parte superiore del manicotto del pene) sul glande è fisiologica e rappresenta un meccanismo di difesa che protegge dalle infezioni. Se il prepuzio dovesse scorrere sul glande, la natura che fa le cose per bene non l’avrebbe fatto serrato. Forzando il prepuzio a scendere verso il basso fino a scoprire il pene si rischia di causare microlesioni che possono successivamente creare aderenze finendo per “incollarlo” al glande. Il rischio più grande è comunque quello di non riuscire più a farlo risalire, determinando sul pene una strozzatura che imporrebbe di correre tempestivamente al pronto soccorso. Verso i due-tre anni, durante il bagnetto, si insegnerà al bambino a far scorrere lievemente il prepuzio verso il basso: sarà il bambino stesso a regolarsi per non farsi male. Lasci quindi perdere qualunque manovra sul pene di suo figlio e si limiti a detergerlo con cura con sapone liquido e acqua corrente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza che non si annuncia dopo 7 mesi di tentativi: si deve ricorrera alla PMA?

24/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Di solito, se la coppia è giovane, prima di indagare sulla sua fertilità, si attende che trascorra un anno di tentativi di concepimento andati a vuoto. Qualora il ginecologo suggerisca di ricorrere alla procreazione medicalmente assistita prima di questo lasso di tempo probabilmente esclude la possibilità...  »

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti