Ginocchio valgo: a che età si può diagnosticare?

Dottor Lucio Palmiero A cura di Dottor Lucio Palmiero Pubblicato il 27/07/2020 Aggiornato il 27/07/2020

Il ginocchio valgo generalmente si evidenzia intorno ai tre anni di età.

Una domanda di: Manuel
Le scrivo per avere un’informazione per mio figlio di 3 anni e 7 mesi, visto che le visite dal pediatra di famiglia non mi hanno dato risposte né prescrizioni. A quanti anni sarebbe da prevedere una visita specialistica per valutare se il bimbo ha un’andatura corretta e si possono escludere problemi al ginocchio? Potrebbe essere congenito ?
Ci sono dei controlli nell’andatura del bimbo che posso indicare questa patologia ?
Le chiedo questo perchè da piccoli noi genitori abbiamo entrambi sofferto di ginocchio valgo. Addirittura la mamma ha messo scarpe correttive fino ai 7 anni circa.
Si leggono molte cose, ma vorrei avere un parare da un esperto nel settore.
Grazie per le sua cortese attenzione.
Dottor Lucio Palmiero
Dottor Lucio Palmiero

Gentile signora,
il ginocchio valgo (comunemente indicato come ginocchio a “X”) è un difetto angolare dell’arto inferiore e si manifesta per lo più intorno ai 3 anni d’età. Generalmente si corregge con la crescita, quasi sempre entro i 7 anni. Come per il varismo (ginocchio a “O” o a “parentesi”), tuttavia, la presenza di familiarità può influire negativamente sul miglioramento.
Spesso un peggioramento progressivo del valgismo si osserva in presenza di obesità (oggi molto frequente nei bambini). Una visita specialistica consente facilmente di fare diagnosi di valgismo.
L’entità può essere valutata misurando la distanza tra le caviglie (distanza intermalleolare). Questo valore ci consente di tenere sotto controllo l’evoluzione del valgismo nel tempo. Oltre a quello dell’infanzia, esiste un “ginocchio valgo dell’adolescenza” che, contrariamente a quello infantile, può peggiorare durante il periodo pre-puberale e puberale fino al punto di richiedere la correzione chirurgica.
Il ginocchio valgo non è mai causa di dolore locale, soprattutto nei bambini più piccoli, tuttavia può provocare una deambulazione atipica e spesso impacciata, soprattutto durante l’attività sportiva dei bambini. Non mi è chiaro se il pediatra ha già escluso la presenza dell’anomalia oppure no. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti