Ginocchio valgo: a che età si può diagnosticare?

Dottor Lucio Palmiero A cura di Dottor Lucio Palmiero Pubblicato il 27/07/2020 Aggiornato il 27/07/2020

Il ginocchio valgo generalmente si evidenzia intorno ai tre anni di età.

Una domanda di: Manuel
Le scrivo per avere un’informazione per mio figlio di 3 anni e 7 mesi, visto che le visite dal pediatra di famiglia non mi hanno dato risposte né prescrizioni. A quanti anni sarebbe da prevedere una visita specialistica per valutare se il bimbo ha un’andatura corretta e si possono escludere problemi al ginocchio? Potrebbe essere congenito ?
Ci sono dei controlli nell’andatura del bimbo che posso indicare questa patologia ?
Le chiedo questo perchè da piccoli noi genitori abbiamo entrambi sofferto di ginocchio valgo. Addirittura la mamma ha messo scarpe correttive fino ai 7 anni circa.
Si leggono molte cose, ma vorrei avere un parare da un esperto nel settore.
Grazie per le sua cortese attenzione.
Dottor Lucio Palmiero
Dottor Lucio Palmiero

Gentile signora,
il ginocchio valgo (comunemente indicato come ginocchio a “X”) è un difetto angolare dell’arto inferiore e si manifesta per lo più intorno ai 3 anni d’età. Generalmente si corregge con la crescita, quasi sempre entro i 7 anni. Come per il varismo (ginocchio a “O” o a “parentesi”), tuttavia, la presenza di familiarità può influire negativamente sul miglioramento.
Spesso un peggioramento progressivo del valgismo si osserva in presenza di obesità (oggi molto frequente nei bambini). Una visita specialistica consente facilmente di fare diagnosi di valgismo.
L’entità può essere valutata misurando la distanza tra le caviglie (distanza intermalleolare). Questo valore ci consente di tenere sotto controllo l’evoluzione del valgismo nel tempo. Oltre a quello dell’infanzia, esiste un “ginocchio valgo dell’adolescenza” che, contrariamente a quello infantile, può peggiorare durante il periodo pre-puberale e puberale fino al punto di richiedere la correzione chirurgica.
Il ginocchio valgo non è mai causa di dolore locale, soprattutto nei bambini più piccoli, tuttavia può provocare una deambulazione atipica e spesso impacciata, soprattutto durante l’attività sportiva dei bambini. Non mi è chiaro se il pediatra ha già escluso la presenza dell’anomalia oppure no. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

C’è una pianta officinale per favorire la lattazione?

17/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonello Sannia

Esiste una buona documentazione scientifica che comprova gli effetti benefici del Cardo mariano sulla lattazione.   »

Dosaggio delle beta-hCG a nove giorni dal rapporto a rischio

12/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

Un prelievo di sangue effettuato a pochi giorni dal rapporto sessuale per verificare se il concepimento è avvenuto fornisce un risultato non attendibile, Meglio evitare.   »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti