Giramenti di testa in un ragazzino: può essere la tiroide?

Professor Gianni Bona A cura di Professor Gianni Bona Pubblicato il 21/01/2022 Aggiornato il 21/01/2022

Per capire se la tiroide può essere implicata nella comparsa di un sintomo, occorre valutarne la funzionalità attraverso analisi specifiche.

Una domanda di: Michele
Mio figlio di 14 anni un po’ robusto ogni tanto ha giramenti di
testa e non riesce stare in piedi. Lui prima prendeva prima un pastiglia per la
tiroide pigra, adesso non la prende più. Potrebbe dipendere da questo o è altro?
Grazie.
Gianni Bona
Gianni Bona

Gentile papà,
le informazioni che mi dà sono davvero troppo scarse per permettermi di darle una risposta esauriente. Innanzi tutto non so quali fossero i valori che hanno suggerito al medico di prescrivere la medicina a supporto dell’attività della tiroide. Non mi scrive se è lo stesso medico ad aver detto di sospendere la cura: spero che sia stato così e che non si sia trattato, invece, di una vostra iniziativa. I giramenti di testa potrebbero sì essere dovuti a un’alterazione della tiroide, ma solo se l’alterazione esiste, eventualità che solo i dosaggi ormonali possono verificare. Dosaggi di cui lei non mi ha parlato. Il mio consiglio a questo punto è di rivolgersi a un centro di endocrinologia pediatrica, dove grazie ad accertamenti mirati riusciranno a comprendere se davvero ci sia un problema ed eventualmente di cosa esattamente si tratti. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti