Glicemia: vanno bene questi valori?

Professor Gianni Bona A cura di Professor Gianni Bona Pubblicato il 13/04/2020 Aggiornato il 13/04/2020

Se i valori sono compresi nel range di riferimento riportato nel referto, significa che non ci sono problemi.

Una domanda di: Valentina
Sono attualmente alla 24esima settimana di gravidanza. Gli ultimi esami effettuati circa 4 settimane fa indicavano glicemia 73 e emoglobina glicata 27 ( range da 20,a 42). Anche il mese precedente avevo effettuato questi due esami e i valori erano più o meno questi ( non li ricordo con precisione ma erano più o meno cosi). Sono normopeso e non ho casi di diabete in famiglia. Il ginecologo quindi ha deciso di non farmi fare l esame della curva di carico di glucosio ma sono preoccupata perché so che in teoria le linee guida dicono di farla. In generale volevo quindi sapere se con valori di glicemia e emoglobina glicata come i miei posso con ragionevole certezza escludere il diabete gestazionale. Inoltre io ogni tanto qualche dolce lo mangio ( a colazione magari qualche biscotto, o dopo pranzo due cioccolatini, qualche succo di frutta … e specialmente nelle prime 16 settimane bevevo anche un po di coca cola per via delle nausee, cosa che ora non faccio più se non magari una o due volte alla settimana metà bicchiere) senza esagerare ma comunque li mangio. Posso continuare a mangiarli ? In generale i dolci si possono mangiare in gravidanza vero? O bisogna eliminarli completamente? Parlo ovviamente in caso di non diabete. Grazie mille.
Gianni Bona
Gianni Bona

Gentile signora,
penso che sia questo momento storico così critico e delicato che le suggerisce di avere timori che, sono sicuro, anche lei in fondo sa essere privi di fondamento. I valori che lei riporta sono perfetti e questo credo lei sia in grado di valutarlo da sé, visto che mi ha segnalato i range di riferimento, grazie a cui non ci può essere spazio per alcun dubbio. Per quanto riguarda i dolci, il consumo dovrebbe essere occasionale e moderato e non solo in gravidanza perché gli eccessi in tal senso espongono le persone adulte al rischio di diabete anche al di fuori della gestazione. In generale, l’alimentazione deve essere il più possibile varia, bilanciata per quanto riguarda i nutrienti,adeguata sotto il profilo delle calorie. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti