Gravidanza biochimica: come si accerta?

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 30/06/2020 Aggiornato il 30/06/2020

Si parla (impropriamente) di gravidanza biochimica quando la gestazione è rilevabile solo grazie al dosaggio delle beta-hCG.

Una domanda di: Valentina
Volevo chiederle: come capisco se ho avuto una gravidanza biochimica? Una gravidanza biochimica dà perdita rosa chiaro? E gonfiore di pancia?
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Gentile signora,
si usa la locuzione “gravidanza biochimica” per definire una gravidanza che non è ancora rilevabile con l’ecografia (non si vede ancora nulla, né la camera gestazionale, né il sacco vitellino, né ovviamente l’embrione) mentre si può diagnosticare grazie alla presenza nel sangue e nelle urine della gonadotropina corionica umana, l’ormone noto con la sigla beta-hCG. Per sapere se ha avuto un’interruzione di gravidanza può effettuare il dosaggio della beta-hCG nel sangue perché quando una gravidanza inizia, anche se esita in aborto spontaneo, per qualche tempo le beta sono rilevabili nel sangue. Sono cioè una prova che una gravidanza ha avuto inizio, anche se poi si è interrotta. Gonfiore alla pancia e perdite rosa non rappresentano prove significative di avvenuto aborto (quindi di gravidanza iniziata). Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Risvegli notturni dopo mesi di sonno tranquillo

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Può capitare che a nove mesi inizino i risvegli notturni: possono esserne corresponsabili l'ansia da separazione e la dentizione.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti