Gravidanza che non inizia dopo due mesi di tentativi

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 09/07/2021 Aggiornato il 21/02/2022

Posto che il concepimento non si verifica con la stessa facilità con cui si accende una lampadina grazie all'interruttore, per favorirlo è buona cosa risolvere eventuali problemi di insulinemia e sovrappeso.

Una domanda di: Federica
Gentile dottore sto cercando la seconda gravidanza e stiamo provando un paio di mesi ma senza risultati… Facendo dei controlli mi hanno riscontrano una lieve insulinemia… E adesso sto assumendo metformina e Chirofol 1000. Ho un ciclo regolare di 30 giorni. Volevo sapere se con questa cura e per questa situazione ho possibilità di rimanere incinta?
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora, è possibile che le sue ovaie stiano lavorando in modo difettoso: oltre all’insulinemia lei probabilmente è interessata anche da sovrappeso. Nonostante in linea teorica sia possibile dare inizio a una gravidanza anche nella sua condizione, di fatto è più difficile. In più in caso di gravidanza, sarebbe aumentato sensibilmente il rischio di diabete gestazionale, un problema non da poco che espone a varie complicazioni. Non mi dice quanti anni ha e anche questo è un dato importantissimo in relazione alla fertilità soprattutto femminile. Non mi ha detto neppure se i risultati dei dosaggi ormonali (che di sicuro le sono stati prescritti) sono buoni e anche questo occorrerebbe saperlo. Posto tutto questo, in generale, tenga presente che la gravidanza non inizia con uno schioccare di dita: due mesi di ricerca sono veramente pochi per pretendere che sia già iniziata. Ci vuole almeno un anno di tentativi falliti per stabilire che qualcosa non va. L’integratore che sta assumendo favorisce l’attività ovarica, mentre la metformina contribuisce ad abbassare la quantità di glucosio (zucchero) nel sangue riducendo le complicazioni che un valore troppo alto può comportare. Entrambi possono dunque aiutare a dare inizio a una gravidanza. Il mio consiglio è comunque quello di cambiare tipo di alimentazione, se è, come penso, in sovrappeso, magari facendosi guidare da un nutrizionista. Associ a un’alimentazione più corretta una regolare attività fisica: camminare è l’ideale perché permette di bruciare i grassi e quindi contribuisce al dimagrimento (se associato a una dieta ad hoc). Segua inoltre le indicazioni del ginecologo curante. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti