Gravidanza che non inizia dopo due mesi di tentativi

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 09/07/2021 Aggiornato il 09/07/2021

Posto che il concepimento non si verifica con la stessa facilità con cui si accende una lampadina grazie all'interruttore, per favorirlo è buona cosa risolvere eventuali problemi di insulinemia e sovrappeso.

Una domanda di: Federica
Gentile dottore sto cercando la seconda gravidanza e stiamo provando un
paio di mesi ma senza risultati… Facendo dei controlli mi hanno
riscontrano una lieve insulinemia… E adesso sto assumendo metformina e
Chirofol 1000.
Ho un ciclo regolare di 30 giorni. Volevo sapere se con questa cura e per
questa situazione ho possibilità di rimanere incinta?

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
è possibile che le sue ovaie stiano lavorando in modo difettoso: oltre all’insulinemia lei probabilmente è interessata anche da sovrappeso.
Nonostante in linea teorica sia possibile dare inizio a una gravidanza anche
nella sua condizione, di fatto è più difficile. In più in caso di
gravidanza, sarebbe aumentato sensibilmente il rischio di diabete
gestazionale, un problem non da poco che espone a varie complicazioni. Non mi dice quanti anni ha e anche questo è un dato
importantissimo in relazione alla fertilità soprattutto femminile. Non mi ha
detto neppure se i risultati dei dosaggi ormonali (che di sicuro le sono
stati prescritti) sono buoni e anche questo occorrerebbe saperlo. Posto tutto questo, in
generale, tenga presente che la gravidanza non inizia con uno schioccare di
dita: due mesi di ricerca sono veramente pochi per pretendere che sia già
iniziata. Ci vuole almeno un anno di tentativi falliti per stabilire che
qualcosa non va. L’integratore che sta assumendo favorisce l’attività ovarica, mentre la metformina contribuisce ad abbassare la quantità di glucosio (zucchero) nel snague riducendo le complicazioni che un valore troppo alto può comportare. Entrambi possono dunque aiutare a dare inizio a una gravidanza. Il mio consiglio è comunque quello di cambiare tipo di alimentazione, se è, come penso, in sovrappeso, magari facendosi guidare da
un nutrizionista. Associ a un’alimentazione più corretta una regolare attività fisica: camminare è l’ideale perché permette di bruciare i grassi e quindi contribuisce al dimagrimento (se associato a una dieta ad hoc). Segua inoltre le indicazioni del ginecologo curante. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti