Gravidanza, collo dell’utero, allarmismi ingiustificati

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 08/04/2022 Aggiornato il 08/04/2022

Il limite di raccorciamento del collo dell'utero che desta preoccupazione è 25 millimetri. Se la lunghezza è superiore significa che tutto va bene.

Una domanda di: Carla
Ho 32 anni e da 21 settimane attendo il principino di casa… Martedì ero a 20+6 e ho fatto la morfologica, siccome il pupo era in posizione scomoda, la dottoressa ha dovuto effettuare l’eco transvaginale. Da qui è venuto fuori un accorciamento del collo a 32 millimetri. A giorni farò la visita con la mia dottoressa… Mi può spiegare a cosa può portare questo accorciamento e da cosa è dovuto? Non ho mai avuto dolori o sintomi che potessero portarmi a pensare qualcosa, ma già da qualche anno soffro di mal di schiena a causa di ernie. Quindi il mal di schiena per me è un’abitudine…posso fare camminate il pomeriggio con il sole? Grazie mille.
Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, il limite preoccupante di raccorciamento del collo dell’utero è di 25 mm. La lunghezza misurata dall’ecografista è normale, non c’è assolutamente nulla di cui preoccuparsi. Faccia le passeggiate che desidera, quando desidera, potrà solo farle bene. Tanti cari auguri.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Lievissime perdite di sangue a inizio gravidanza: c’è da spaventarsi?

12/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un lieve sanguinamento nel primo periodo della gravidanza può non essere significativo e questo vale soprattutto se l'ecografia accerta la presenza, in normale evoluzione, della camera gestazionale e dell'embrione.  »

Beta-hCG ancora nel sangue dopo un’interruzione di gravidanza: perché?

05/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

Dopo un aborto, è normale che l'ormone beta-hCG rimanga nel sangue per alcune settimane, ma se il periodo si protrae oltre i 42 giorni circa è possibile che si sia instaurata un'altra gravidanza.   »

Psicofarmaci in gravidanza: è giusto sospenderli?

05/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

L'impiego degli SSRI è compatibile con lo stato di gravidanza e non espone a particolari rischi, mentre può essere pericoloso sospenderli o anche solo diminuirne il dosaggio rispetto a quello necessario per controllare il disturbo dell'umore.   »

Piccolissimo con diagnosi di reflusso: che fare?

31/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

Non bisogna immediatamente giungere alla conclusione che il rigurgito del latte dopo le poppate, frequentissimo nei primissimi mesi di vita, sia segno di una patologia. Molto più spesso è solo l'espressione di un'immaturità dei meccanismi che impediscono ai liquidi di risalire dallo stomano all'esofago,...  »

Gravidanza che sta durando più di 40 settimane: perché?

29/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Una durata della gravidanza compresa tra le 38 e le 42 settimane rientra nella normalità. A influenzare la lunghezza della gravidanza è anche la familiarità.  »

Fai la tua domanda agli specialisti