Gravidanza di 8 settimane: perché il bimbo non si vede?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 27/04/2022 Aggiornato il 28/04/2022

Se l'ecografia non riesce a visualizzare il feto, nonostante il valore delle beta-hCG sia alto è possibile che la gravidanza si sia interrotta.

Una domanda di: Carmela
Salve volevo togliermi un dubbio: sono incinta di 8 settimane, premetto che un anno fa sono stata operata di sleeve gastrica, solo che il 15 ho fatto l’ecografia dove non si vedeva il cuore con un valore dell’ormone beta-hCG di 7502. Il 22 ripeto l’ecografia e non vede ancora il cuore con un beta fatto il 21 del valore di 17500. Il medico mi dice che c’è un aborto interno ma devo monitorare il beta-hCG che deve scendere. Il 23 ripeto il dosaggio del beta e scopro che è salito a 21856. Come può essere che dal 15 al 22 l’embrione e la camera siano cresciuti ma che, allo stesso tempo, io abbia un aborto? Prima di arrivare a pensare all’aborto vorrei essere sicura di aver perso realmente il bambino. Grazie.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, anche a me sembra davvero strano che le beta siano in aumento eppure a livello ecografico non sia visibile l’embrione col battito! Direi che l’ecografia ripetuta nuovamente ci potrebbe essere di aiuto per accertarci in primo luogo che la camera gestazionale sia rimasta completamente vuota (si parla di blighted ovum o uovo chiaro quando si verifica un aborto interno così precoce) e in secondo luogo escludere la compresenza di una gravidanza evolutiva al di fuori dell’utero (eventualità rara ma non impossibile). Sarebbe bellissimo se il fagiolino facesse capolino nella camera gestazionale nonostante le previsioni tetre sul suo conto: glielo auguro di cuore! La cosa che mi sembra opportuno sapere è che in caso di aborto interno così precoce, non c’è alcuna urgenza di effettuare il raschiamento per pulire l’utero e ci si può dare fino a 3-4 settimane di tempo per attendere che la natura faccia il suo corso. Non ci sono rischi di infezioni a carico della gravidanza che si interrompa spontaneamente nell’utero e scegliendo la condotta di attesa si può con più calma metabolizzare la notizia spiacevole e lasciare andare questo minuscolo fagiolino per la sua strada. Se l’ecografia confermasse la diagnosi di aborto interno, mi sembra comunque opportuno effettuare dei controlli seriati delle beta per verificare il loro progressivo azzeramento, diversamente potremmo sospettare una patologia del trofoblasto e in quel caso non è possibile alcuna condotta di attesa. Spero di esserle stata utile anche se capisco di non poterle dare una risposta definitiva, resto a disposizione se desidera tenermi aggiornata sugli sviluppi della sua gravidanza, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti