Gravidanza dopo l’asportazione della tiroide

Professor Gianni Bona A cura di Professor Gianni Bona Pubblicato il 18/11/2019 Aggiornato il 18/11/2019

Dopo la tiroidectomia è importante controllare i valori del Tsh per tutta la durata della gravidanza.

Una domanda di: Anna Maria
Buongiorno, a causa di morbo di Basedow recidivato ho scelto la tiroidectomia per poter affrontare più serenamente la gravidanza. Preconcepimento, d’accordo con l’endocrinologo, abbiamo tenuto il tsh intorno a 0,5. Dopo la conferma del concepimento abbiamo aumentato la dose di 50 ml e ora il Tsh alla ottava settimana è pari a 1,1 – FT4 11,18. La mia domanda è: ogni quanto devo monitorare i valori? Prima di innalzare la dose devo verificare un aumento ulteriore del Tsh o posso anticipare la variazione?
Cordiali saluti.
Gianni Bona
Gianni Bona

Gentile signora,
le indicazioni/prescrizioni che le sono state date fino a ora vanno benissimo. Per quanto riguarda la valutazione del TSH, a mio avviso andrebbe effettuata ogni mese, massimo ogni due mesi (si confronti per questo con il suo curante). E’ importante, infatti, che il livello di questo ormone si mantenga entro un valore massimo di 2,5, anche se l’ideale sarebbe che
rimanesse entro i 2 (e non al di sotto dello 0,5). Diversamente, come lei di certo sa, è possibile che lo sviluppo del bambino non possa avvenire in modo
corretto e armonico. Non è invece opportuno modificare la terapia prima di conoscere i valori del TSH, in quanto significherebbe agire alla cieca, eventualità molto rischiosa. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti