Gravidanza dopo un’emorragia post parto: è possibile?

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 26/04/2022 Aggiornato il 26/04/2022

Non è sconsigliata una gravidanza dopo aver avuto una precedente emorragia post parto.

Una domanda di: Sara
Ho 30 anni e due splendidi bambini. Da qualche tempo stiamo pensando ad una terza gravidanza ma oltre che a normali preoccupazioni mi blocca l’ultima esperienza di parto che ho avuto. Parto avvenuto senza problemi se non che dopo una settimana dalla nascita della bambina ho avuto una emorragia post partum. Fatto raschiamento, sul referto hanno scritto che in utero hanno eliminato parecchi coaguli. Potrebbe gentilmente dirmi se dopo questa esperienza sarebbe meglio evitare il terzo parto o se è possibile trattare e prevenire un’altra emorragia?
Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, un’emorragia post parto può capitare e può anche essere prevenuta. Cerchi pure un’altra gravidanza, facendo presente ai medici cosa è capitato nella seconda e vedrà che faranno di tutto perché non ricapiti. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti