Gravidanza e Ana positivi

Professor Gianni Bona A cura di Professor Gianni Bona Pubblicato il 27/08/2020 Aggiornato il 04/08/2021

La presenza di anticorpi antinucleo (Ana) in genere può segnalare una malattia autoimmune, anche se può accadere di riscontrarli in una persona sana: molto dipende da quanto si discosta il valore da quello normale.

Una domanda di: Arianna
Salve, ho 31 anni, sono alla 12+2 della seconda gravidanza. Soffro di tiroide autoimmune ben controllata e già col primo bimbo so di essere ana positiva,
con tutto il resto negativo. Col primo bimbo non ho preso nessuna terapia perché non ho alcun sintomo di connettivite né alterazioni delle analisi.
Adesso prima di aspettare il 2 figlio lo abbiamo trovati 1:640 granulari e stavolta il ginecologo mi ha dato la cardioaspirina, dicendo che
il deltacortene farebbe più male che bene vista la familiarità per diabete. Anche il reumatologo è d’accordo col ginecologo. Comunque io sto vivendo
nell’ansia totale anche perché leggo di molte che hanno avuto anche aborti tardivi. Inoltre ho avuto un piccolo distacco ora risolto poiché ho la
placenta un po’ bassa anteriore a 37,1 mm OUI (orifizio uterino interno) e devo stare attenta perché può dare altri distacchi. Sono così triste. Cosa ne pensate? Questi ana mi
hanno potuto dare la placenta bassa o il cesareo precedente per posizione podalica? Grazie.
Gianni Bona
Gianni Bona

Gentile signora,
mi perdoni ma c’è molta confusione in quanto riferisce. Comunque sia in relazione al “soffro di tiroide autoimmune ben controllata”: se è ben controllata significa che assume la terapia ormonale (ormoni tiroidei) sostitutiva ma lei specifica che non prende farmaci. La presenza degli Ana (anticorpi antinucleo) segnala genericamente che si è sviluppata una malattia autoimmune, tuttavia bisognerebbe capire quali valori sono stati riscontrati, perché dipende da questo la valutazione della malattia: la sola positività potrebbe anche riscontrarsi in una persona sana. Lei poi mi parla di connettivite ma afferma che non ha sintomi relativi alla patologia, quindi aggiunge che è in cura dal reumatologo e non mi spiega perché. Per quanto riguarda le caratteristiche della placenta e la sua distanza dall’orifizio uterino interno spetta al ginecologo esprimersi, anche se da quanto riferisce mi pare che non vi siano particolari problemi. Quello che non riferisce, e che invece è un dato rilevante, è il risultato del dosaggio degli ormoni TSH e FT4, in quanto aiuta a comprendere se la tiroide sta funzionando a dovere. Se tutto va bene, in gravidanza il TSH non deve superare le 2,5 microunità per millilitro di sangue. L’FT4 non deve invece scendere al di sotto del valore 10 picomoli per litro di sangue (il range di normalità è compreso tra 10 e 25 pmol/l). Se ancora non lo ha fatto deve dunque effettuare l’esame del sangue per rilevare questi valori, che comunque andranno controllati ogni mese. Se fossero alterati occorrerà aggiustare (o iniziare) la terapia sostitutiva con Levotiroxina. Naturalmente non posso essere io via Internet a indicarle in che dosaggio: sarà l’endocrinologo in accordo col ginecologo a stabilirlo. Lei non menziona l’endocrinologo, ma credo che la diagnosi di tiroidite autoimmune gliel’abbia fatta lui, quindi è a lui che deve rivolgersi per i controlli del caso. Mi parla poi di granuli “1:640”: francamente non comprendo di cosa si tratti, visto che non specifica il principio attivo. Per finire, lei si dice triste ma non fatico a crederle: affidarsi alle informazioni raccolte in maniera poco ordinata su Internet non può che aumentare lo sconcerto, il disorientamento e la paura di chi non è un “addetto ai lavori”. Il mio consiglio è di seguire con fiducia i suoi medici di riferimento che, da quanto mi ha detto, hanno il controllo della situazione, senza cercare notizie spizzicando dai vari siti in modo non organico. Internet è un mezzo prezioso, ma può anche diventare un’arma a doppio taglio, alimentando ansie. Mi tenga informato se lo desidera. Tanti cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti