Gravidanza e antiasmatici: si possono usare?

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 18/02/2021 Aggiornato il 18/02/2021

Nei nove mesi di gravidanza non solo si può, ma si deve continuare a controllare l'asma, per il benessere della mamma e del bambino.

Una domanda di: Alessandra
Buongiorno,
soffro di asma estrinseca controllata mediante utilizzo di Broncovaleas
spray al bisogno e Flutiformo spray 2 inalazioni mattina e sera.
Sono all’ottava settimana di gravidanza posso continuare ad utilizzare
questa terapia?
Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile Alessandra,
gli studi disponibili sull’uso in gravidanza di farmaci antiasmatici per via inalatoria non hanno osservato un aumento del rischio di malformazioni o di altri rischi per lo sviluppo dell’embrione e del feto.
L’asma se non adeguatamente trattato può avere delle ricadute sulla gravidanza e sullo sviluppo fetale, per esempio aumentando il rischio di ritardo della crescita intrauterina e di parto pretermine.
La terapia farmacologica ha, quindi, benefici non solo per la mamma, ma anche per il bambino o la bambina.
Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti