Gravidanza e distacco sottocoriale

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 06/08/2019 Aggiornato il 06/08/2019

L'assunzione di progesterone e il riposo possono permettere alla gravidanza di proseguire, nonostante nelle prime settimane si sia verificato un distacco sottocoriale.

Una domanda di: Deb
Grazie ad ICSI sono incinta di 9 settimane e, da più o meno 20 giorni, mi porto dietro un distacco sottocoriale che mi ha causato perdite sempre poco abbondanti dal marrone al rosso. Le misure di tale distacco sono sempre rimaste invariate e 2 giorni fa erano di 18 x 5 mm. Io già sto prendendo progesterone sottocute e sono a riposo quasi assoluto. La ginecologa non mi ha dato ulteriori terapie o indicazioni. L’embrione è vitale di 19 mm. Mi sento molto giù, molto scoraggiata e molto impaurita . Non riesco a capire se questo distacco può provocarmi un aborto, non mi è chiara quella che sarà la mia prognosi. Spero di ricevere una vostra risposta. Grazie.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, capisco bene il suo scoraggiamento e le posso svelare che in parte è proprio “colpa” della gravidanza stessa se si sente così giù di corda: è uno degli effetti collaterali del progesterone e lei in questo momento ne sta subendo gli effetti doppiamente in quanto esposta sia al progesterone prodotto dal suo ovaio, sia a quello contenuto nelle iniezioni.
Detto questo, in presenza di un distacco sottocoriale associato a perdite ematiche, le precauzioni possibili sono proprio queste: supplementazione di progesterone, riposo quasi assoluto (soprattutto per non avere scrupoli se le cose andassero a finire male: non è infatti dimostrato scientificamente che stare a letto immobili migliori le sorti di una gravidanza complicata da minaccia di aborto) e, aggiungo io, evitare di sottoporsi a diagnosi prenatale invasiva (come è per esempio la villocentesi).
Cos’altro posso dirle?
Certamente la sua gravidanza è più che mai “preziosa”, come si suole dire in caso di gravidanze da procreazione assistita, anche se ogni figlio è sempre un vero e proprio miracolo, che ci trasforma fin dentro il nostro intimo e ci fa più belle, non solo fisicamente (le mamme col pancione hanno un fascino speciale: non si può non guardarle con ammirazione!) ma proprio ci completa come donne…ci aiuta a volerci bene e a stupirci di ciò che il nostro corpo sa fare nonostante la nostra scarsa considerazione nei suoi confronti (quale donna è grata al suo corpo per quello che fa? Di solito siamo più brave a vedere quel che abbiamo di troppo o che non abbiamo ancora…)
Lei è già a 9 settimane, l’embrione è ormai diventato un feto ed è vitale, il distacco è di dimensioni modeste e le perdite sono anch’esse contenute…
Direi che possiamo essere fiduciosi che tra qualche settimana le perdite finalmente cesseranno, il distacco non sarà più visibile ecograficamente, non saranno più indispensabili le iniezioni di progesterone e anche il suo umore si risolleverà…glielo auguro di cuore!
Mi tenga aggiornata se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti