Gravidanza e lunghezza della cervice

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 24/08/2020 Aggiornato il 31/08/2020

La misurazione del collo dell'utero può segnalare se c'è il rischio di parto prematuro: più di 40 millimetri è un valore che non espone a questa eventualità.

Una domanda di: Roberta
Salve, sono a 27 settimane di gestazione, ho avuto in passato due aborti a 17 settimane, il primo il feto è morto dentro e io non mi sono accorta, la seconda volta ho avuto la rotture delle membrane e poi dopo tre giorni ho espulso il feto e mi hanno fatto un raschiamento. Adesso con questa gravidanza mi hanno fatto un cerchiaggio di emergenza per incontinenza cervicale, quando sono andata al controllo la settimana scorsa mi hanno fatto la cervicometria ed la lunghezza era di 40,7 mm con presenza di funneling, come è scritto nel referto, questa lunghezza è normale? Mi hanno detto che rischio un parto prematuro, vorrei maggiori informazioni, grazie.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, posso darle la buona notizia che 40,7 mm di lunghezza del collo dell’utero non solo è un valore normale ma è addirittura un valore desiderabile.
In media il collo uterino misura 30-35 millimetri quindi lei ha attualmente una lunghezza che non la mette affatto a rischio di parto prematuro.
La presenza del funneling (ossia uno svasamento a forma d’imbuto sul versante interno del collo dell’utero, quello aggettante sul versante fetale per intenderci) è da imputare nel suo caso specifico al cerchiaggio cervicale e all’azione di tenuta che sta esercitando, quindi da ritenersi come fisiologica.
Tuttavia, viste le due precedenti esperienze con esito infausto, è raccomandabile che la lunghezza del collo uterino sia misurata ecograficamente nel corso della gravidanza (ad esempio, mensilmente in occasione delle visite ostetriche di controllo) e che le vengano comunque effettuati dei tamponi vaginali (direi almeno uno per trimestre) e urinocoltura in caso di presenza di batteri in quantità significativa ( ossia al di sopra del limite di norma) all’esame mensile di controllo delle urine o in caso di sintomi urinari suggestivi d’infezione.
Immagino le sia stato suggerito di stare a riposo e di evitare sforzi fisici e rapporti sessuali…direi che è una precauzione importante, almeno finché non saremo arrivati a 34-35 settimane, poi saremo in dirittura d’arrivo…vedrà che questa volta sarà quella buona!
Spero di averla aiutata, resto a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Ansia alla vigilia del parto

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un'ansia lieve è normale in vista del parto. Solo se presenta le caratteristiche di un disturbo psichiatrico è necessario chiedere aiuto a uno specialista.  »

Seno gonfio in una piccolissima

16/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un lieve rigonfiamento delle mammelle è fisiologico nei primi mesi di vita: è definito "telarca dei neonati".  »

Fai la tua domanda agli specialisti