Gravidanza e paura che la pressione sia alta anche se è nei limiti della norma

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 29/12/2021 Aggiornato il 03/01/2022

Non ha alcun senso preoccuparsi della pressione del sangue quando rimane entro i limiti desiderabili.

Una domanda di: Chiara
Ho 35 anni e sono alla quarta gravidanza (prime due terminate in aborti spontanei alla 9 settimana, terza a termine). Attualmente sono di 26+2. Qualche settimana fa, durante una visita di controllo l’infermiera ha rilevato una pressione di 135/74. Specifico che avevo appena fatto quattro piani di scale. I valori mi hanno preoccupata moltissimo e alla mia richiesta di misurarla ancora dopo una mezz’ora, i valori non sono cambiati. Sono un soggetto molto ansioso (ipocondria diagnostica, in cura da psicoterapeuta). Nei giorni seguenti ho controllato i valori più e più volte al giorno. Già il giorno dopo i miei valori si sono stabilizzati intorno ai 115-120 di massima e 70-75 di minima. A volte però rilevo ancora valori per me considerati alti 125/130 la massima. La minima non supera quasi mai gli 80. La mia preoccupazione è che io parto da valori pre gravidanza più bassi, tra i 105 e i 110. Quindi, un aumento c’è. Ho fatto un esame delle urine per controllare l’eventuale presenza di proteine ed è risultato negativo. Sto seguendo una dieta senza sale e cerco di camminare un po’ ogni giorno. Non so cosa altro fare e non riesco a tranquillizzarmi. Quando vedo valori superiore a 120 vado “in palla”. Spero possa aiutarmi. Le auguro Buon Natale e Buon Anno. Un saluto cordiale.
Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, i valori di pressione preoccupanti in gravidanza sono 140 di massima e 90 di minima, quindi almeno ffino a ora la sua pressione è del tutto normale. Tenga presente che il criterio con cui si giudica la pressione del sangue non dipende da un’opinione personale (lei scrive “rilevo valori per me considerati alti, ma non è così che si deve svolgere la valutazione). Stia serena perché le preoccupazioni non aiutano a mantenere la pressione entro i limiti normali. Devecioè evitare di non dare vita al paradossale circolo vizioso caratterizzato da un innalzamento della pressione dovuto allo stress generato dalla paura che aumenti. Se proprio vuole controllare la pressione, lo faccia una sola volta al giorno, in farmacia, e almeno fino a quando i valori rimarrano entro i limiti sopra riportati, non si preoccupi. In caso contrario, a fronte di un innalzamento oltre i limiti normali, la rimisuri dopo qualche ora: se la situazione rimanesse invariata (per esempio con valori pari a 160/110), si rivolga al medico per stabilire il da farsi. Con cordialità ricambio i suoi auguri.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di due anni con i capelli molto radi

24/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Nella maggior parte die casi, i capelli dei piccolini diventano più folti con il passare deigli anni, tuttavia se appaiono realmente troppo deboli e mancano in alcuen zone della testa è bene sentire il parere di un dermatologo (in presenza).   »

Menarca in bimba di 9 anni: crescerà ancora?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non è così automatico che l'arrivo della prima mestruazione segni la fine della crescita in altezza.   »

Anticorpi: con che quantità si può rinviare la seconda o la terza dose?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

A oggi non è ancora stato stabilito quale valore relativo agli anticorpi assicuri una copertura tale da consentire di rimandare (o, peggio, evitare) la vaccinazione.   »

Fai la tua domanda agli specialisti