Gravidanza e perdite brunastre (che non si arrestano)

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 01/12/2020 Aggiornato il 01/12/2020

Non sempre si riesce a comprendere la ragione per la quale in gravidanza compaiano delle perdite di sangue scuro, tuttavia una cosa è certa: non è automatico che segnalino l'imminenza di un aborto.

Una domanda di: Valentina
Buongiorno dottoressa,
Le scrivo per un consiglio. Ho scoperto di essere incinta il 5 novembre (ero alla 4a settimana) e dal 10 ho perdite brunastre continue, tutti i giorni.
Mi sono recata 3 volte al pronto soccorso perché son ben 14 giorni che queste persistono. Mi dicono che è tutto normale e sto prendendo progeffik
200. Io però sono demoralizzata, è possibile che durino così tanto tempo? Non sono abbondanti ma neppure poche. Nella carta quando mi pulisco ci sono
pezzettini marroni. Cosa mi può consigliare?
Grazie in anticipo.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, capisco bene che queste perdite marroncine le facciano temere il peggio e la portino a demoralizzarsi ma per fortuna non sono spia che la gravidanza si sia interrotta, come ha già potuto verificare le altre volte che si è recata in pronto soccorso.
In realtà, non sempre sappiamo dire come mai si verifichino queste perdite di sangue ad inizio gravidanza.
Alcune donne vedono addirittura delle perdite simili alle mestruazioni e non si accorgono che è insorta una gravidanza (che prosegue a dispetto delle perdite ematiche), in altri casi non vi sono perdite ma al controllo ecografico ci accorgiamo che la gravidanza non sta più procedendo…
Possono darsi molte diverse situazioni, il rimedio in caso di “minaccia d’aborto” è mantenere l’utero a riposo mediante il progesterone (solitamente un ovulo vaginale da 200 mg alla sera), il riposo domiciliare, l’astensione dai rapporti sessuali e dagli sforzi fisici in generale.
Recarsi in pronto soccorso perché le perdite ematiche persistono non è una strategia vincente: la visita ginecologica stessa può essere motivo per vederle persistere in quanto stimola l’utero a contrarsi.
Il consiglio, quindi, è di recarsi in pronto soccorso soltanto se le perdite diventassero di colore rosso vivo e abbondanti almeno come una mestruazione.
Altrimenti, la cosa migliore da farsi è stare a riposo e cercare tutto ciò che la fa stare bene (buone letture, bella musica, buon cibo…)
Come dice il filosofo Agostino: “Nutre la vita solo ciò che la rallegra”.
Ecco, credo che sia saggio in gravidanza porsi in questa prospettiva di nutrire (e rallegrare) la propria vita e quella del bimbo/a che aspettiamo.
Resto a disposizione se desidera, cordialmente

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti