Gravidanza e perdite di sangue abbondanti come un flusso mestruale

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 20/12/2020 Aggiornato il 20/12/2020

Nelle prime settimane di gestazione, a fronte di importanti perdite di sangue c'è solo da attendere di vedere cosa realmente sta accadendo.

Una domanda di: Mariarca
Salve sono incinta di 5+6. Ho delle perdite ematiche da mercoledì. Sono andata al
pronto soccorso dove mi hanno fatto una visita per poi dirmi che non si potevano sbilanciare, perché il valore delle beta era molto basso (260) e quindi era presto. Impiego ovuli di progefik mattina e sera e sto a riposo. Lunedì ripeterò la beta e farò l’ecografia ma è possibile che continui a perdere come se avessi le mestruazioni? Ci sono speranze? Grazie in anticipo.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, avrei voluto risponderle prima ma non mi è stato possibile. Mi auguro che l’ecografia di lunedì vada bene e che le perdite ematiche siano terminate. Anche se è un po’ antipatico da ammettere, oltre al progesterone in ovuli e al riposo domiciliare, a quest’epoca di gravidanza non abbiamo a disposizione grandi possibilità terapeutiche: bisogna avere tanta pazienza e lasciare che la Natura faccia il suo corso.
Il dosaggio delle beta-hCG ci aiuta a capire se la gravidanza sta comunque evolvendo nonostante le perdite ematiche oppure, in caso di beta stabili o addirittura già in calo, ci si debba rassegnare a fare diagnosi di aborto interno.
Certo, se la gravidanza si interrompe così precocemente, difficilmente sarà necessario sottoporsi al raschiamento per pulire l’utero completamente e questo, pur nel dolore, è comunque un dato positivo. In caso di aborto spontaneo completo, sarà possibile riprendere subito la ricerca di una nuova gravidanza, mentre se ci si sottopone al raschiamento sarà opportuno attendere almeno un paio di cicli mestruali per dare il tempo all’utero di riprendersi dall’intervento chirurgico.
Resto a disposizione se desidera e spero di risentirla presto con buone nuove, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti