Gravidanza, insulino-resistenza e altro ancora

Professor Gianni Bona A cura di Professor Gianni Bona Pubblicato il 17/11/2021 Aggiornato il 17/11/2021

A fronte di un'insulino-resistenza è opportuno effettuare la "curva da carico" che permette di capire se è alto il rischio di sviluppare il diabete gestazionale.

Una domanda di: Elena
Ho 28 anni e sono alla 6 settimana di gravidanza. Ho iniziato a cercare un figlio a febbraio e sono rimasta incinta la prima volta a giugno, purtroppo terminata in biochimica. Ho la tiroidite di Hashimoto, che sto trattando con eutirox. Sono un po’ in sovrappeso, nonostante abbia perso 7 chilogrammi da luglio, probabilmente anche grazie all’eutirox. Ieri ho scoperto di essere insulino resistente e ciò mi terrorizza. La paura dell’aborto è molto presente purtroppo. Non ho grandi sintomi da gravidanza, diciamo sporadici e questo mi preoccupa tantissimo, perché quando spariscono mi allarmo. Nonostante ciò le prime beta erano a 841 (Lunedì 8), cresciute a 6110 5gg dopo, ultimo ciclo avuto è stato il 5 ottobre. È possibile avere una gravidanza serena nonostante questi problemi? Ho già iniziato a stare attenta a ciò che mangio. Uso la sigaretta elettronica, che sto diminuendo, ma i liquidi possonoHo 28 anni e sono alla 6 settimana di gravidanza. Ho iniziato a cercare un figlio a febbraio e sono rimasta incinta la prima volta a giugno, purtroppo terminata in biochimica. Ho la tiroidite di Hashimoto, che sto trattando con eutirox. Sono un po’ in sovrappeso, nonostante abbia perso 7 chilogrammi da luglio, probabilmente anche grazie all’eutirox. Ieri ho scoperto di essere insulino resistente e ciò mi terrorizza. La paura dell’aborto è molto presente purtroppo. Non ho grandi sintomi da gravidanza, diciamo sporadici e questo mi preoccupa tantissimo, perché quando spariscono mi allarmo. Nonostante ciò le prime beta erano a 841 (Lunedì 8), cresciute a 6110 5gg dopo, ultimo ciclo avuto è stato il 5 ottobre. È possibile avere una gravidanza serena nonostante questi problemi? Ho già iniziato a stare attenta a ciò che mangio. Uso la sigaretta elettronica, che sto diminuendo, ma i liquidi possonoHo 28 anni e sono alla 6 settimana di gravidanza. Ho iniziato a cercare un figlio a febbraio e sono rimasta incinta la prima volta a giugno, purtroppo terminata in biochimica. Ho la tiroidite di Hashimoto, che sto trattando con eutirox. Sono un po’ in sovrappeso, nonostante abbia perso 7 chilogrammi da luglio, probabilmente anche grazie all’eutirox. Ieri ho scoperto di essere insulino resistente e ciò mi terrorizza. La paura dell’aborto è molto presente purtroppo. Non ho grandi sintomi da gravidanza, diciamo sporadici e questo mi preoccupa tantissimo, perché quando spariscono mi allarmo. Nonostante ciò le prime beta erano a 841 (Lunedì 8), cresciute a 6110 5gg dopo, ultimo ciclo avuto è stato il 5 ottobre. È possibile avere una gravidanza serena nonostante questi problemi? Ho già iniziato a stare attenta a ciò che mangio. Uso la sigaretta elettronica, che sto diminuendo, ma i liquidi possono influire sulla glicemia e sull’insulina? Grazie.
Gianni Bona
Gianni Bona

Gentile signora, inizio a rispondere alla sua ultima domanda. La sigaretta eletronica non influisce sulla glicemia, ma comunque il suo uso è controindicato in gravidanza. Non esiste infatti come unica minaccia l’aumento della glicemia! La comunità scientifica si è espressa chiaramente al riguardo: in assenza di studi che ne comprovano la sicurezza per il feto, è sconsigliato impiegarla sia nei mesi dell’attesa sia durante l’allattamento. Per quanto riguarda l’alterazione della tiroide, quello che conta è che il TSH si mantenga al di sotto di 2,5. Per meglio indagare sull’insulino-resistenza, se già non gliel’hanno prescritta, dovrebbe effettuare l’indagine chiamata “curva da carico”: in base ai risultati si può valutare il rischio di sviluppare il diabete gestazionale. In generale, in casi come il suo, la glicemia va misurata una volta al mese, così come è opportuno tenere controllata la pressione del sangue (a cui non fa cenno). Irrinunciabile è seguire un’alimentazione sana, variata, e ragionevolmente calorica: il forte sovrappeso è un pericolo in gravidanza. Le raccomando anche di fare ogni giorno attività fisica: basta camminare a passo sostenuto per 30-40 minuti. Diciamo quindi che per realizzare il suo desiderio di trascorrere una gravidanza serena (nonostante i vari problemi) dovrà avere cura di sé, a partire dalla dieta (no dolciumi, no fritture, niente salse, intingoli, formaggi solo occasionalmente, un uso parsimonioso anche dei grassi vegetali). Ne trarrà grandi vantaggi anche nell’immediato: il suo tono dell’umore migliorerà e si sentirà molto più energica e tranquilla rispetto all’andamento della gravidanza (andare in allarme perché si sta bene, cioè non ci sono sintomi, è segno di una preoccupazione che tende a sfuggire di mano e che a mio avviso diminuirà nel momento in cui avrà eliminato le abitudini che la fanno sentire in colpa). Diciamo che la gravidanza è un’occasione per volersi più bene, per farsi il grande regalo di uno stile di vita sano. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti