Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

Professor Gianni Bona A cura di Professor Gianni Bona Pubblicato il 26/09/2022 Aggiornato il 04/10/2022

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.

Una domanda di: Rosy
Salve dottore, ho 31 anni, ho avuto due biochimiche ed ora sono incinta alla 13 settimana! Ecco volevo sapere quando si è leggermente fuori pericolo? Ho sempre questo malessere che mi affligge! E non so come gestire questa ansia! Pensi faccio un’ecografia ogni 7 giorni. Secondo lei fa male fare tutte queste ecografie?? Quando posso tranquillizzarmi??? E poi l’ultima domanda: quando si può dire di aspettare un bambino amici parenti ecc..? Lo so che è soggettivo, ma se lei sa indicarmelo la ringrazio. Aggiungo: la mia tiroide è a 2.680, secondo lei va bene?? Quanto dovrebbe essere? Cordiali saluti e grazie in anticipo. Cordiali saluti. E grazie in anticipo.
Gianni Bona
Gianni Bona

Gentile signora, innanzitutto vorrei precisare che “biochimica” non significa nulla. O meglio, è un termine improprio che allude a una gravidanza che si interrompe quando è possibile rilevarla attraverso l’individuazione, nel sangue o nelle urine, dell’ormone beta-hCG, ma non con l’ecografia. In generale, la maggior parte degli aborti spontanei si verifica nel primo trimestre, che termina con l’inizio della 14ma settimana (quindi alla fine della 13ma settimana). Per quanto riguarda “quando dirlo” a parenti e amici, ha detto bene: è una scelta personalissima, non saprei veramente che suggerimento darle, faccia quel che si sente. Lei chiede quando si è “leggermente fuori pericolo”, ovvero pone un’altra domanda a cui è impossibile rispondere: il criterio migliore a cui attenersi è “pensare positivo” e, soprattutto, non commettere alcuna imprudenza, che non significa vivere la gravidanza come una malattia ma seguire le regole (prevalentemente di buon senso) che allontano i rischi. Per esempio, (ma è solo un esempio!) se lei non ha contratto la toxoplasmosi dovrà avere cura di non mangiare carne cruda (inclusi i salumi, tranne il prosciutto cotto) e di lavare con la massima attenzione frutta e verdura. Anche l’aumento di peso va controllato, l’alimentazione deve essere varia e ben bilanciata, l’alcol e il fumo di sigaretta eliminati drasticamente. Per quanto riguarda la tiroide l’ideale sarebbe che il valore del TSH (immagino che sia quello che riporta) non superi il 2,5, tuttavia anche il valore che riferisce non espone a grandi pericoli. Deve però suggerire di ripetere il dosaggio del TSH a intervalli regolari (secondo quanto indicato dal medico curante). Per l’ecografia ogni sette giorni, non fa male perché gli ultrasuoni di cui si avvale sono innocui, tuttavia mi sembra davvero strano che il medico che la esegue assecondi la sua insolita richiesta visto che non solo non placa la sua ansia ma anzi mi sembra l’aumenti. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti