Gravidanza senza sintomi: c’è da preoccuparsi?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 03/11/2021 Aggiornato il 08/11/2021

Una gravidanza che l'ecografia ha confermato essere in evoluzione ma non è accompagnata da nausea e altri sintomi fastidiosi, va giudicata una fortuna.

Una domanda di: Savina Pia
Sono una ragazza di 28 anni in attesa di un bambino. Sono alla prima

gravidanza e sono a 7 settimane + 4 giorni. La prima ecografia l’ho fatta dieci giorni fa.

Era tutto a posto, le beta-hCG erano salite bene, si è visto il sacco vitellino
e c’era il battito. Tutto nella norma. Preciso che non ho mai avuto grossi
sintomi, solo seno molto gonfio, spossatezza e un po’ di leucorrea gravidica
che a tratti ancora oggi noto. Durante l’inizio e per tuttta la
durata della sesta settimana ho avuto crampi, nausea e bruciore di stomaco.
Ad oggi del tutto scomparsi. Chiedo: è normale che questi sintomi
non ci siano o mi devo preoccupare? Il seno è gonfio come sempre e
indolenzito, la stanchezza c’è ma quella è cronica. C’è una spiegazione
alla scomparsa di tutti questi sintomi?
Grazie.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, direi che possiamo essere ottimisti che il suo bimbo/a sta bene se…il suo istinto di mamma le dice altrettanto!
Dal punto di vista medico, sono tutti segnali buoni e positivi di gravidanza evolutiva questi “sintomi”: mancanza del ciclo mestruale, senso di tensione al seno, bisogno di dormire o stanchezza maggiore del solito, intestino che si impigrisce con tendenza al meteorismo (la pancia si gonfia soprattutto verso sera), bisogno di urinare più spesso del solito (anche di notte), fastidio ad alcuni odori (ad esempio il fumo di sigaretta e/o il caffè), repulsione verso alcuni cibi (ad esempio la carne e/o il pesce) fino alla nausea (specialmente presente al mattino al risveglio), umore fragile con facilità al pianto…
Lei è alla prima gravidanza e giustamente ha mille preoccupazioni.
La scomparsa dei sintomi (crampi, nausea, bruciore di stomaco) che lei ha notato ultimamente, non è detto che nasconda un problema dal punto di vista dell’evolutività della gravidanza.
Ovvero, potrebbe darsi che il suo corpo abbia accusato il colpo dal punto di vista ormonale nelle primissime fasi della gravidanza, ma poi sia riuscito a trovare un equilibrio.
Direi che all’inizio della gravidanza possiamo essere già ottimisti in assenza di perdite ematiche o dolori pelvici: non occorrono altre rassicurazioni (la tensione al seno, la leucorrea e la spossatezza sono sì dei sintomi positivi ma possono benissimo mancare anche quando tutto va a gonfie vele!).
Più avanti, dopo la 21-22° settimana, quando riuscirà ad avvertire i movimenti del piccolo/a, sarà tutto molto più semplice.
Direi quindi di essere fiduciosa che tutto proceda per il meglio (come ci insegna il detto: “nessuna nuova, buona nuova!”) e, qualora proprio non lo fosse, chiedere al Curante di potersi nuovamente vedere per avere la conferma ecografica che tutto stia andando come ci auguriamo.
Spero di averla rincuorata, a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti