Gravidanza: si è interrotta o no?

Professor Giovanni Battista Nardelli A cura di Professor Giovanni Battista Nardelli Pubblicato il 04/04/2024 Aggiornato il 04/04/2024

Si è autorizzati a pensare a un aborto spontaneo quando l'ecografia individua un embrione privo di attività cardiaca oppure una camera ovulare senza embrione in un'epoca della gravidanza in cui dovrebbero essere rilevabili.

Una domanda di: Gianna
Questa mattina ho fatto un controllo in seguito a bruciore pelvico e leggero spotting, con test di gravidanza positivo. Dall’ecografia chiaramente non è stato possibile rilevare l’embrione perché l’ultima mestruazione risale al 26/02/2024 perciò è ancora troppo presto; tuttavia la camera di gestazione è di forma irregolare e la ginecologa mi ha detto che potrebbe essere una gravidanza già interrotta; inoltre è presente sull’ovaio dx una cisti di 4 cm; mi ha fissato il prossimo appuntamento tra dieci giorni, nel frattempo non mi ha consigliato né di stare a riposo, né prescritto farmaci.
Preciso che ho avuto altri tre aborti consecutivi di cui l’ultimo interno per cui ho fatto il raschiamento a ottobre 2023; durante il controllo del 14/02/24 la ginecologa mi ha segnalato il fondo dell’utero a sella (parlandomi di poter effettuare una correzione chirurgica dopo un ulteriore controllo) ed una cisti ovarica dx probabile corpo luteo di 22mm-80mm ; nel successivo controllo (dopo la mestruazione) il 5/03/24 la cisti non era più presente ed il fondo dell’utero a suo parere non era poi così arcuato come
le era sembrato prima per proseguire con isteroscopia. Sentire questa mattina che la cisti all’ovaio è nuovamente presente e anche di dimensioni importanti e che la gravidanza potrebbe essere già terminata mi spezza il cuore. Posso sperare che la gravidanza sia ancora in corso o devo considerarla finita? C’è correlazione tra utero a sella e
poliabortivitá? Se sì per quale motivo non mi è stato permesso di proseguire la correzione chirurgica anzitempo e non sono ora considerata come
gravidanza a rischio? Ci sono dei parametri di rischio e poliabortivitá a cui fare riferimento per poterli considerare tali?
Grazie per l’attenzione, attendo info.
Giovanni Battista Nardelli
Giovanni Battista Nardelli

Gentilissima signora Gianna,
la gravidanza iniziale può essere considerata “interrotta” quando si documenta un embrione privo attività cardiaca, oppure la persistenza di una camera ovulare priva di embrione in epoche incompatibili con tale assenza. Circa gli aborti precedenti immagino che Lei e Suo Marito abbiate già eseguito i dovuti accertamenti per escludere le realtà note. La poliabortività è un parametro di gravidanza ad alto rischio, ma questo non ci impedisce di osservare gravidanze successive. Circa la isteroscopia su utero “a sella” che poi si modifica, le ricordo che l’utero è un muscolo che può contrarsi su numerosi stimoli e che la parete fundica è sempre più spessa delle altre perché l’utero si espande in gravidanza verso l’alto ed è quindi predisposto per tale adeguamento. Inoltre, la “sella” in isteroscopia è una valutazione soggettiva, mentre la “sella” della isterografia è una valutazione oggettiva, perché le lastre possono essere lette da tutti. Nel caso proposto, deve attendere la rilevabilità dell’attività cardiaca ed i dosaggi delle β-hCG.
Infine, è al ginecologo curante che spetta stabilire se e cosa prescrivere alla propria paziente, perché è l’unico che può decidere con vera cognizione di causa. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può dare l’acqua ai piccolissimi?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Ad allattamento ben avviato, quindi più o meno dopo le prime settimane di vita, se ragionevolmente si ritiene che il bebè possa avere sete (o se si notano segni di disidratazione, come il pannolino asciutto per molte ore) gli si possono offrire piccole quantità d'acqua. Se fa numerose poppate nell'arco...  »

Coppia con bisnonni in comune: ci sono rischi per i figli?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Il grado di parentela dovuto a bisnonni in comune non aumenta la probabilità di concepire figli con malattie ereditarie. A meno che vi siano persone malate o disabili tra i consanguinei in comune,   »

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti