Gravidanza: si può affrontare in presenza di malattie autoimmuni?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 22/02/2024 Aggiornato il 22/02/2024

Numerose malattie autoimmuni migliorano proprio durante la gravidanza. In ogni caso, alcuni farmaci che le controllano possono essere assunti anche durante la gestazione.

Una domanda di: Vittoriana
Sono una ragazza di 34 anni affetta da patologie autoimmuni: sclerodermia, polimiosite e artrite psoriasica e sono 14 anni che assumo
immunosoppressori e cortisone. A settembre 2023, siccome la mia situazione era molto peggiorata, arrivando ad analisi con CPK oltre 2000 (quando il
massimo dovrebbe essere 190) mi hanno proposto il farmaco biologico, ma ho rifiutato. Dopo il ricovero ho deciso di darmi una possibilità e provare con
cure alternative, e infatti ho iniziato da ottobre 2023 il metodo Coimbra com 50000 u.i. al giorno, diminuendo drasticamente il cortisone e gli
immunosoppressori senza toglierli completamente. Ho subito notato miglioramenti. A gennaio, al mio ospedale, mi hanno ripetuto le analisi e,
increduli anche loro, i miei valori erano rientrati e migliorati completamente. Mai in 14 anni sono stati così bassi, ovviamente non hanno approvato la mia cura alternativa. L’unica pecca ovviamente è stata il valore della vitamina D a 110, più alta del normale, e la calciuria nelle urine (ma questi erano effetti che sapevo iniziando
questa cura). Ieri mi sono recata a una visita ginecologica, perché la ricerca di una gravidanza è stata ed è il mio desiderio da anni, ma hanno sempre
bloccato il mio sogno dicendomi che per le mie patologie era molto difficile; ieri una nuova ginecologa (perché ne ho girate tante), mi ha
detto che possiamo riuscirci, mi ha dato integratori per il “letto” dove si attacca l’ovulo fecondato che è un po’ sottile e dobbiamo farlo
crescere appena, ma molto risolvibile con integratori. Però mi ha detto che la vitamina D non è possibile averla così alta, e quindi smettere di
prenderla. Io ho paura che togliendo ciò che mi ha aiutata a migliorare si riacutizzi la patologia, però se voglio una gravidanza da quel
che ho capito devo toglierla, ho bisogno di aiuto, sempre se è possibile, dato che la mia situazione so benissimo che è complicata.
Grazie.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora,
grazie della fiducia nei miei confronti. Ammetto che non conoscevo il metodo Coimbra e capisco la preoccupazione dei colleghi per i possibili effetti avversi sulla sua salute dell’eccessivo assorbimento di calcio e il timore che alti dosaggi di vitamina D possano nuocere in gravidanza.
Un aspetto a mio avviso rilevante risiede nel fatto che la vitamina D o colecalciferolo che lei sta assumendo non è già in forma attiva, ma deve essere attivata nel rene per diventare calcitriolo. Questo la mette al riparo dagli eccessi di vitamina D. Quanto alla calciuria, credo sia fondamentale curare la dieta e l’idratazione per evitare i rischi connessi ad un eccessivo assorbimento di calcio, come di certo le hanno indicato meglio di me i colleghi da cui è in cura.
Lei teme di poter avere recidive delle sue malattie autoimmuni sospendendo il trattamento con vitamina D ad alte dosi.
La buona notizia è che in svariate patologie autoimmuni si assiste ad un miglioramento durante la gravidanza (non dimentichiamo che il piccolo ospite ha metà patrimonio genetico estraneo e che quindi in dolce attesa è prevista una maggiore “tolleranza” da parte del nostro sistema immunitario). Il mio parere sarebbe quindi di proseguire in fase preconcezionale con il trattamento attuale di vitamina D e di restare al di sotto delle 10.000 UI/die durante la gravidanza, monitorando nel contempo altri parametri come la calcemia e il paratormone intatto. Quanto ai cortisonici e agli immunosoppressori, ne esistono di compatibili con la gravidanza, pertanto abbiamo certamente più carte da giocare per mantenere la situazione sotto controllo.
Le ricordo infine di assumere acido folico (1 compressa al giorno da 400 microgrammi salvo diversa indicazione del Curante) per il periodo di ricerca della gravidanza e tutto il primo trimestre della stessa. Se possibile, meglio assumerlo lontano da tè e latticini.
L’acido folico è di aiuto non solo a prevenire i difetti alla colonna vertebrale (ad esempio spina bifida) ma anche quelli cardiaci del bambino.
Spero di esserle stata di aiuto, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti