Gravidanza: si può cercare mentre si assume l’antibiotico Cefixoral?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 08/01/2024 Aggiornato il 15/01/2024

L'assunzione di cefalosporine non è pericolosa per un eventuale prodotto del concepimento, tuttavia durante una cura con antiobiotico può essere opportuno sospendere la ricerca della gravidanza perché, se ci si sta curando, significa che non si è in una condizione di salute ottimale.

Una domanda di: Giulia
Sto cercando una gravidanza però proprio ora mi trovo ad avere una brutta sinusite. Ho provato a curarla naturalmente ma non è passata e quindi sono dovuta ricorrere all’antibiotico, prescritto dal medico, Cefixoral. La mia domanda è: se dovessi rimanere incinta ora, la terapia dura dieci giorni, ci saranno conseguenze? Sarebbe meglio attendere e semmai quanto dopo la fine dell’antibiotico? Grazie molte.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora, gli studi disponibili sull’uso di cefixima (Cefixoral), e in generale degli antibiotici della classe delle cefalosporine, nel 1° trimestre di gravidanza non hanno documentato un aumento del rischio di malformazioni. A maggior ragione si può stare tranquilli, se addirittura il concepimento, come nel suo caso, non è ancora avvenuto ma POTREBBE avvenire nel corso della terapia. Detto questo, può essere senza dubbio più opportuno cercare una gravidanza quando si è in buona salute, quindi credo che sia meglio che lei rimandi la ricerca della gravidanza quando sarà completamente guarita dalla sinusite che comunque è un’infezione che impegna il sistema immunitario. In sintesi, si può concepire mentre si fa una cura con antibiotico, per quanto riguarda il farmaco che non espone a rischi, ma se si sta facendo una terapia antibiotica significa che non si è in una condizione di salute ottimale quindi è consigliabile aspettare di esserlo. Mi permetto di ricordarle di assumere l’acido folico, che previene gravi malformazioni del bambino, prima tra tutte le spina bifida. La dose è di una compressa da 400 microgrammi al giorno tutti i giorni per tutto il periodo preconcezionale e almeno fino al termine del primo trimestre. Si tratta di un prodotto mutuabile. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti