Herpes genitale: come avviene il contagio?

Dottor Fabrizio Pregliasco A cura di Dottor Fabrizio Pregliasco Pubblicato il 03/10/2022 Aggiornato il 03/10/2022

L'infezione genitale da herpes si contrae principalmente attraverso i rapporti sessuali non protetti con partner infetti.

Una domanda di: Oana
Domanda imbarazzante, sono stata a letto con un uomo che in passato ha avuto l’herpes genitalis. Il rapporto è stato senza preservativo ma non completo. Potrei essere stata contagiata anche io il virus? L’herpes genitalis uomo si trasmette solamente per via sessuale? Grazie.
Fabrizio Pregliasco
Fabrizio Pregliasco

L’herpes genitale è causato dall’ herpes simplex tipo 2, simile all’herpes di tipo 1 (responsabile della “febbre delle labbra”). L’infezione può essere divisa in primaria, nel caso in cui la persona in precedenza non sia mai stata colpita da infezioni erpetiche di alcun tipo, e in secondaria, qualora la persona abbia già avuto infezioni da herpes, per esempio alle labbra. I sintomi legati all’infezione variano in base a questa suddivisione. Il contagio avviene principalmente attraverso i rapporti sessuali non protetti con partner infetti, a prescindere dal fatto che vi sia stata l’eiaculazione. Tuttavia non si può escludere che il contagio si verifichi in seguito al contatto oro-genitale, qualora il partner sia colpito da febbre delle labbra: a volte anche l’herpes di tipo 1 può infatti scatenare l’infezione genitale. Il tempo che intercorre tra il momento del contagio e la comparsa dei sintomi varia da uno a sei giorni, quindi lei a breve saprà se è stata contagiata o no. L’herpes genitale, quando colpisce persone che non sono mai venute a contatto con un virus erpetico prima di quel momento si manifesta con comparsa nella zona genitale, e talora anche anale, di vescicole dolorose disposte a grappolo e contenenti siero, che si rompono rapidamente lasciando il posto a un’erosione, febbre, mal di testa, malessere generale, dolori muscolari, ingrossamento delle linfoghiandole situate nella zona dell’inguine L’infezione genitale che compare in persone già compite precedentemente da infezioni erpetiche (compresa la febbre delle labbra) si manifesta invece con comparsa nella zona genitale, e talora anche anale, di vescicole disposte a grappolo. Come nell’infezione primaria le vescicole sono dolorose, contengono siero e si rompono in breve tempo dando luogo a un’erosione dolente associata a fuoriuscita di siero. Raramente ingrossamento delle linfoghiandole situate nella zona dell’inguine. L’infezione può essere diagnosticata dal medico semplicemente attraverso l’osservazione, in quanto le vescicole che caratterizzano l’infezione, per la loro particolare disposizione a grappolo, difficilmente lasciano dubbi. Di solito l’infezione scompare spontaneamente nell’arco di due settimane. Tuttavia l’herpes genitale tende a dare luogo a varie ricadute. Più o meno nel 90 per cento dei casi di infezione da herpes di tipo 2 si verifica una ricaduta entro 12 mesi dalla scomparsa delle vescicole. Il primo episodio di herpes genitale non richiede trattamento, mentre la cura delle ricadute è basata sull’assunzione per via orale di farmaci contenenti l’aciclovir, che rappresenta il principio attivo di prima scelta per contrastare l’herpes virus. Va però sottolineato che la terapia non sempre riesce a sconfiggere completamente l’infezione (che comunque guarisce in modo spontaneo). Viene però quasi sempre comunque prescritta perché da un lato accelera la guarigione dall’altro limita le ricadute. Se dovessero comparire i sintomi descritti dovrà rivolgersi al medico. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti