Herpes simplex e concepimento

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 05/09/2018 Aggiornato il 05/09/2018

La "febbre delle labbra", infezione virale dovuta all'herpes simplex, non provoca problemi al feto.

Una domanda di: Elena
Vorrei cortesemente sapere se la presenza di herpes simplex (recidivo, con lesioni a bocca e naso) in caso di concepimento può creare problemi al feto.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Gentile signora, se in gravidanza parliamo di herpes simplex labiale recidivo siamo in una condizione relativamente tranquilla. Il fatto che non si tratti di una prima infezione è positivo in quanto lei certamente già ha sviluppato in passato gli anticorpi specifici per contrastare l’infezione virale. Questi anticorpi possono anche passare la placenta e proteggere il suo bambino. In ogni caso, sono importanti per contenere l’infezione ed evitare che il virus possa avere il tempo di disseminarsi attraverso il circolo sanguigno (cosa altrimenti possibile se parliamo di una prima infezione herpetica in gravidanza). A seconda della gravità dell’interessamento cutaneo, si dovrà effettuare la terapia con Acyclovir per via topica o sistemica.
Le confermo quindi che la presenza di herpes simplex labiale (diverso sarebbe il discorso se parlassimo di herpes genitale) non crea problemi al feto. Spero di esserle stata di aiuto, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Coronavirus e bimbi in piscina: ci sono rischi?

13/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Una cosa è certa: il Sars-CoV-2 non nuota libero nell'acqua delle piscine, per cui i bambini possono fare i bagni in piena sicurezza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti