Ho l’utero setto, potrò avere un figlio?

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 20/10/2020 Aggiornato il 20/10/2020

Ci sono malformazioni dell'utero che si risolvono facilmente e che, quindi, non impediscono la gravidanza.

Una domanda di: Stefania
Mi è stato diagnosticato recentemente un utero setto e ho iniziato a documentarmi in merito. Premesso che ho 30 anni ma al momento non sono alla ricerca di una gravidanza, sono stata assalita dall’ansia di non poter concepire tra qualche anno, vorrei chiederle c’è possibilità per una donna con utero setto di poter concepire e portare a termine una gravidanza? È raccomandato l’intervento? Insomma c’è modo di riuscire o no? Vorrei capire un po’ qual è la situazione che dovrò gestire da qui a breve. Grazie.

Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, l’utero setto è una piccola malformazione del corpo dell’utero rappresentata da un tralcio fibroso che partendo dal fondo dell’utero divide in due la cavità dell’utero fino all’inizio del corpo uterino. Può essere un riscontro occasionale o successivo a un evento abortivo. La sua presenza talvolta può rendere difficoltoso il concepimento oppure il decorso della gravidanza. È molto importante in fase diagnostica porre una diagnosi differenziale tra setto uterino e conformazione anatomica di utero insellato in quanto, se nel primo caso è possibile porre rimedio con un semplice intervento di metro plastica, che oggi può essere agevolmente fatto in ambulatorio utilizzando la tecnica isteroscopica Office, nel secondo caso questo non è possibile. Per poter agevolmente effettuare la diagnosi differenziale è consigliata l’ecografia pelvica ginecologica 3D. Contatti il suo ginecologo di fiducia per poter fare una corretta diagnosi e definire un percorso adeguato. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti