Ho quasi 40 anni e voglio un bimbo

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 21/04/2022 Aggiornato il 26/04/2022

Nel caso in cui la storia ostetrica sia stata segnata da due aborti spontanei, può essere opportuno, per dare inizio a una nuova gravidanza, rivolgersi a un centro per la procreazione medicalmente assistita. Questo vale soprattutto se l'età materna gioca a sfavore della fertilità.

Una domanda di: Roberta
Sono una donna di 39 anni e mezzo, con due aborti spontanei alle spalle, ma zero problematiche a livello fisico, anatomico e funzionale (ho effettuato a tal fine tutti gli accertamenti necessari). Ho un ciclo molto regolare di 25 giorni, con flusso abbondante di 5 giorni,quindi la mia ovulazione dovrebbe avvenire tra l’11esimo e il 12esimo giorno del ciclo. Sono appena due mesi che cerco di concepire, quindi ho rapporti mirati a giorni alterni nella settimana fertile, come da calendario biologico e test di ovulazione Clearblue (che devo dire combaciano). In particolare, il mio ultimo ciclo mestruale è iniziato il 26 marzo, quindi ho piazzato i rapporti il 2, il 3 e il 5 aprile, con successivo picco di LH registrato il 6 aprile…. Poi più nulla. Ora aspetto le maledette mestruazioni (puntualissime) e già da una decina di giorni ho tutti i sintomi: seno gonfio e dolorante, campetti addominali, ecc. Posso illudermi di avere qualche speranza….? Grazie mille.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora, comprendo l’ansia, vista la sua età e la sua storia ostetrica. Non posso darle speranze, sarebbe scorretto, ma lo sarebbe altrettanto dirle di non illudersi. Purtropp non sono un indovino, solo un ginecologo. I sintomi premestruali ed i sintomi iniziali di presunta gravidanza sono molto simili, per questo si parla di sintomi “presunti” di gravidanza e non di sintomi “certi”. Mi sento comunque di darle un consiglio: se la gravidanza non dovesse essere iniziata questo mese, perchè non prendere in considerazione la procreazione medicalmente assistita? Ha quasi 40 anni, il tempo corre, la potenzialità fertile diminuisce rapidamente. Lei è rimasta incinta già due volte e anche se la gravidanza non è andata a buon fine il fatto che abbia concepito è un ottimo segno, suggerisce che le probabilità che la fecondazione possa avere successo ci sono. Tenga presente che, anche se decidesse di rivolgersi a un centro per la PMA, nulla le vieterebbe, allo stesso tempo, di continuare a cercare una gravidanza spontanea. Non ci penserei troppo, non perderei altri mesi perché più le ovaie invecchiano più le probabilità che la procedura dia l’esito sperato diminuiscono. Nel frattempo le raccomnado di assumere una compressa da 400 microgrammi al girono di acido folico, prezioso per prevenire la spinta bifica del bambino. Va utilizzato per tutto il periodo della ricerca della gravidanza, fino almeno al termine del primo trimestre. Mi tenga aggiornato, se lo desidera. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacco amniocoriale: tanti dubbi dopo la diagnosi.

23/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il distacco tra le due strutture che costituiscono la placenta, il sacco amniotico e il sacco coriale ("guscio" della camera gestazionale), non coincide con il distacco della placenta, molto più grave.   »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti