Idronefrosi del rene emersa dall’ecografia

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 05/10/2020 Aggiornato il 05/10/2020

Una grave malformazione del rene, rilevata nel feto con l'ecografia, potrebbe essere associata ad altre problematiche.

Una domanda di: Patrizia
Ho fatto la morfologica stamattina a 21+1e durante l’esame al bimbo è stato diagnosticato una idronefrosi rene destro con dilatazione severa di 14,0mm. La mia ginecologa mi ha terrorizzata dicendomi che una patologia simile non può regredire ma solo peggiorare e, nei casi estremi più gravi, c’è bisogno dell’intervento. Il bimbo pesa 461 gr ora mi chiedo essendo così piccolo non può regredire e tornare alle dimensioni normali oppure può solo peggiorare, come mi è stato detto? Sono disperata. Grazie di eventuale risposta.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, idronefrosi fetale può essere distinta in idronefrosi ostruttiva e o funzionale. L’incidenza è variabile a seconda degli studi riportati in letteratura.
Nel 90% dei casi non è associata ad altre anomalie mentre nel 10% dei casi può essere parte di sindromi polimalformative associate ad alterazioni cromosomiche come trisomia 21;18; 13.
Risulta quindi molto importante in casi come il suo valutare la presenza/assenza di altre condizioni, per definire un eventuale quadro malformativo.
Per tutti questi motivi le suggerisco di rivolgersi ad un centro di diagnosi di terzo livello per meglio definire la situazione.
Le auguro naturalmente di essere in uno dei tanti casi ad evoluzione favorevole, che si evidenzierà con il proseguire della gravidanza. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti