Il falso problema del pene piccolo prima della pubertà

Professor Gianni Bona A cura di Professor Gianni Bona Pubblicato il 24/10/2022 Aggiornato il 24/10/2022

Prima della pubertà la dimensione del pene non è certo quella definitiva, per cui non ha molto senso preoccuparsene.

Una domanda di: Mario
Buon giorno. Mio figlio di 12 anni ha un pene molto piccolo. Forse arriva a malapena a 2 centimetri quando gli scappa la pipì. Talvolta però è così “rientrato” che guardandolo pare che non ci sia, come ci fosse un buco. Portai mio figlio a fare una visita e lo specialista endocrinologo disse di aspettare la pubertà ma, proprio per non escludere nulla, mi consigliò di fargli fare alcuni esame del sangue ed una lastra alla mano sinistra. In attesa della lastra alla mano sinistra, gli esami del sangue hanno rivelato valori compatibili con un bambino in epoca pre-puberale. Mi preoccupa, però, come lui viva questa situazione anche perché con un pene così piccolo è anche difficile fare la pipì in piedi. Grazie.
Gianni Bona
Gianni Bona

Gentile papà, c’è un dato che dovrebbe dissipare ogni sua preoccupazione: suo figlio è in documentata prepubertà. Significa che è del tutto normale che abbia un pene di dimensioni ancora ridotte, visto che la produzione di testosterone, a cui si deve la crescita di dimensione dei genitali, per lui non è ancora iniziata. Ne consegue che in questo momento è giusto e naturale che la grandezza sia più o meno la stessa di quella dei 5-6 anni di vita. Non ci sarebbe stato, dunque, alcun bisogno di effettuare la radiografia al polso (meglio non esporre i bambini ai raggi X quando non ve ne è alcuna necessità) perché per capire che la pubertà è ancora lontana sarebbe stato sufficiente osservare che nessun segnale di quelli che ne sono il preludio si è ancora manifestato. Posto tutto questo, mi chiedo quale sia il peso di suo figlio. Se fosse in sovrappeso, potrebbe essere che il pene appaia particolarmente piccolo per un effetto ottico creato dall’accumulo di grasso sul pube. In altre parole, nei ragazzini con vari chili di troppo il pene affonda nell’adipe, mostrandosi di dimensioni più ridotte rispetto a quelle reali. Se fossimo in presenza di un problema di sovrappeso è senza dubbio su questo che occorrerebbe agire, iniziando tempestivamente a proporre un’alimentazione più sana e corretta unita all’attività fisica. Ma la mia ovviamente è solo un’ipotesi perché non mi ha riferito nulla al riguardo. In relazione al pene, creda: è un falso problema che, in quanto tale, non preoccupa né soprattutto richiede alcun tipo di intervento né di indagine. Solo se a 14 anni compiuti la situazione dovesse essere la stessa di oggi e, contemporaneamente, il ragazzo si fosse sviluppato (barba, peli pubici, voce ingrossata) si potrà pensare a qualcosa che non va. Tenga comunque presente che si tratterebbe di un’eventualità rarissima di cui oggi non esite alcun presupposto. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti