Il monitoraggio dei fibromi è operatore-dipendente?

Dottoressa Sara De Carolis A cura di Dottoressa Sara De Carolis Pubblicato il 14/06/2021 Aggiornato il 14/06/2021

Esiste una certa variabilità nella valutazione di un fibroma, in parte dovuta all'operatore che la effettua.

Una domanda di: Maria Teresa
È vero che il monitoraggio dei fibromi cambia da operatore a operatore? Mi è stato detto che i controlli devono essere fatti sempre nello stesso posto perché le misure possono variare in base all’operatore. Grazie.

Sara De Carolis
Sara De Carolis

Gentile Maria Teresa,
Le valutazioni ecografiche presentano un certo grado di variabilità, sia per lo strumento ecografico usato che può essere diverso da centro a centro, sia per una variabilità operatore-dipendente.
Tenga conto che per un fibroma di 10 cm, può essere valutato circa da 9 ad 11 cm. Anche l’obesità della donna può rendere più difficile la valutazione ecografica.
Ciò detto, le valutazioni cliniche e strumentali nel tempo saranno in grado di discernere i casi a maggiore rischio da quelli stazionari a minore rischio. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti