Il Sars-CoV-2 può rendere sterile il mio bambino?

Professor Matteo Bassetti A cura di Professor Matteo Bassetti Pubblicato il 13/08/2020 Aggiornato il 20/08/2020

Che l'infezione causata dal nuovo coronavirus possa provocare infertilità maschile è solo un'ipotesi non dimostrata.

Una domanda di: Valentina
Gentile dottore, mi rivolgo a lei perche so che è esperto sul tema “coronavirus”. Ho letto tanti studi che affermano che il coronavirus potrebbe causare infertilità maschile. So che ancora non c’è nulla di certo, ma vorrei sapere cosa ne pensa riguardo la veridicità di questa cosa. Sono da poco diventata madre per la seconda volta e il mio bimbo ha poche settimane di vita ed è un maschietto. Ho paura che prima o poi contrarrà inevitabilmente questo virus (la sorella andrà all’asilo e mio marito è dentista, io lavoro in ospedale come logopedista quindi siamo tutti a rischio) e ho paura possa renderlo sterile. Sono molto preoccupata per la fertilità futura di mio figlio. Grazie mille.
Matteo Bassetti
Matteo Bassetti

E’ uscito qualche tempo fa un lavoro scientifico che dimostrerebbe che, nel 15 per cento dei casi, chi è colpito da Covid-19 potrebbe trasmettere la malattia per via sessuale. Ma questo non significa certo che l’infezione possa causare sterilità: una simile ipotesi è tutta da dimostrare. Anche la supposizione secondo cui durante la malattia potrebbe verificarsi una riduzione del testosterone, che è l’ormone che porta gli spermatozoi a maturazione, non è stata verificata in modo sufficiente. Dunque, almeno per il momento, nessun dato in nostro possesso ci autorizza a ritenere che l’infezione dovuta al Sars-CoV-2 (questo il nome del nuovo coronavirus) possa determinare sterilità. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti