Impianto dell’embrione a poca distanza dalla cicatrice del precedente cesareo

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 30/05/2024 Aggiornato il 30/05/2024

Anche in caso di impianto dell'embrione vicino alla cicatrice dovuta a un precedente taglio cesareo, la gravidanza può proseguire felicemente, soprattutto seguendo particolari accorgimenti.

Una domanda di: Angela
Dottoressa,
da un primo esame ecografico è emerso che l’impianto embrionale è avvenuto poco distante dalla cicatrice del cesareo.
Premetto che ho avuto il cesareo a novembre 2019 e che dall’isteroscopia la cicatrice risulta perfetta. Il mio ginecologo mi ha detto che molto
probabilmente la gravidanza evolverà verso la cicatrice e che dovrò effettuare una interruzione di gravidanza con un intervento molto delicato. Lei cosa ne pensa?

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora,
avrei voluto risponderle prima perché immagino la sua ansia in questo momento nel dover prendere una decisione così drammatica.
A mio avviso il collega ha preferito informarla in anticipo dell’eventualità che la gravidanza vada a “intrufolarsi” nel tessuto cicatriziale del precedente cesareo, così da non poter essere accusato un domani di averle taciuto questo rischio.
Io ritengo utile valorizzare questi aspetti:
1) il lungo intervallo tra la gravidanza attuale e il cesareo pregresso (6 anni se contiamo il suo termine attuale a gennaio 2025)
2) l’aspetto regolare della cavità uterina all’isteroscopia
3) la camera gestazionale in normo-impianto, senza rapporti diretti con la cicatrice uterina allo stato attuale (come da referto dell’ecografia allegata)
È vero: sarà importante essere prudenti in questa gravidanza e limitare il più possibile gli sforzi fisici (ad esempio sollevare le borse della spesa, stare lungo tempo ferma in piedi o fare le scale solo per fare degli esempi) per prevenire le contrazioni uterine premature che a loro volta potrebbero far assottigliare la cicatrice del cesareo fino a farla addirittura riaprire…ma ora che ha già avuto un primo figlio sicuramente è in grado di riconoscere a occhi chiusi le contrazioni e a regolarsi di conseguenza.
Non si tratta a mio avviso di interrompere la gravidanza, ma di trovare chi le possa dare una mano nella gestione della casa e del lavoro…non è detto che lei debba stare in maternità anticipata: dipende da che lavoro fa!
Se fosse per esempio impiegata, seduta alla scrivania, non avrebbe certo rischi a proseguire il suo lavoro (io dico sempre che ci sono più rischi a stare a casa per noi donne: con tutto quello che c’è da fare in casa…difficile stare a riposo, meglio andare al lavoro!).
Spero di averle risposto per il meglio, confidiamo nella Natura che ci sa stupire facendo davvero meraviglie con il nostro corpo…in primis nella gravidanza ma non solo: siamo tutti continuamente in divenire, in continuo equilibrio secondo una saggezza che ci precede…
Rimango a disposizione e se mi tiene aggiornata mi fa piacere, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti