Impiego del progesterone dopo la PMA: fino a quando?

Dottor Francesco Maria Fusi A cura di Dottor Francesco Maria Fusi Pubblicato il 14/04/2021 Aggiornato il 14/04/2021

Dopo un trasferimento embrionario, il periodo durante il quale va assunto il progesterone deve essere stabilito in base a determinati criteri.

Una domanda di: Sorina
Sono alla 12ma settimana di gravidanza, uso progeffik 200 mg, la
sera 2 ovuli, la mattina uno. Ho fatto trasferimento di embrione, il mio
ginecologo mia ha detto di smettere a 12 settimane, ma siccome ho appuntamento
tra 3 settimane non so cosa fare: smettere adesso o andare ancora per un po’
avanti? Lei cosa mi consiglia?

Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

Buongiorno,
se il ciclo di trasferimento embrionario è stato fatto con stimolazione dell’ovulazione, o su ciclo spontaneo con ovulazione, non è necessario continuare. Qualora invece la preparazione abbia escluso l’ovulazione, e quindi la formazione del corpo luteo, come spesso avviene quando si trasferiscono embrioni precedentemente crioconservati, si consiglia di utilizzare progesterone fino alla 14° settimana. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza contro ansia e attacchi di panico: ci sono rischi?

17/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante la gravidanza, se necessario si possono assumere psicofarmaci della categoria degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) senza esporre il bambino a rischi. Ben peggio sarebbe non impiegarli quando ve ne è bisogno.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti