Impiego del progesterone dopo la PMA: fino a quando?

Dottor Francesco Maria Fusi A cura di Dottor Francesco Maria Fusi Pubblicato il 14/04/2021 Aggiornato il 14/04/2021

Dopo un trasferimento embrionario, il periodo durante il quale va assunto il progesterone deve essere stabilito in base a determinati criteri.

Una domanda di: Sorina
Sono alla 12ma settimana di gravidanza, uso progeffik 200 mg, la
sera 2 ovuli, la mattina uno. Ho fatto trasferimento di embrione, il mio
ginecologo mia ha detto di smettere a 12 settimane, ma siccome ho appuntamento
tra 3 settimane non so cosa fare: smettere adesso o andare ancora per un po’
avanti? Lei cosa mi consiglia?

Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

Buongiorno,
se il ciclo di trasferimento embrionario è stato fatto con stimolazione dell’ovulazione, o su ciclo spontaneo con ovulazione, non è necessario continuare. Qualora invece la preparazione abbia escluso l’ovulazione, e quindi la formazione del corpo luteo, come spesso avviene quando si trasferiscono embrioni precedentemente crioconservati, si consiglia di utilizzare progesterone fino alla 14° settimana. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ragazzina di 12 anni con problemi di comportamento

04/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I 12 anni possono essere un'età complicata, ma la pazienza unita a un ascolto attento e affettuoso possono aiutare a fronteggiarli senza troppi scossoni.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti