Impiego di Slinda (principio attivo: drospirenone) e perdita dei capelli: c’è relazione?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 03/06/2022 Aggiornato il 03/06/2022

Non ci sono evidenze a sostegno di una relazione tra caduta dei capelli e impiego di progesticini, come il drospirenone, principio attivo di Slinda.

Una domanda di: Mary
Salve dottoressa, ho preso per due settimane Slinda e ho perso tantissimi capelli, ho avuto forti mal di testa. Ho deciso di interrompere la pillola a distanza da sette giorni dal mio ultimo rapporto, ero a metà blister. Potrei essere incinta? Inoltre i miei capelli dopo la pillola si riprenderanno subito?
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, la pillola Slinda che lei stava assumendo era composta da un progestinico sintetico denominato Drospirenone. Non so come mai le sia stato prescritto questo trattamento (invece della classica pillola estro-progestinica: magari un problema di pressione arteriosa, obesità e/o fumo?) ma posso dirle che in teoria occorrono nove giorni di sospensione perché si possa verificare l’ovulazione, quindi se lei aveva assunto Slinda senza dimenticanze fino alla sospensione, dovremmo poter escludere la gravidanza (uso il condizionale per scaramanzia: in medicina è meglio essere prudenti!). Quanto alla caduta dei capelli, mi sorprende trovare riportato in un sito che ritengo autorevole https://www.saperidoc.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/1563 che sarebbe un effetto collaterale “poco comune” in chi utilizza questo tipo di contraccettivi (mentre è riconosciuto come effetto avverso molto comune in chi utilizzi l’impianto o l’iniezione periodica di ormoni progestinici) ma “non esistono evidenze a sostegno dell’associazione tra perdita di capelli e utilizzo di progestinici”. Forse non abbiamo voluto indagare bene questo aspetto, mi viene da commentare. Non so dirle quanto tempo impiegheranno i suoi capelli per riprendersi dalla caduta. Mi sembra particolare che lei solo dopo due settimane di assunzione abbia notato questo effetto. Tuttavia, solitamente alla rimozione del “problema”, l’organismo reagisce ritrovando in breve tempo il suo equilibrio. Il drospirenone, principio attivo di Slinda, ha un’emivita di 30-34 ore, quindi bastano 2 giorni e mezzo per eliminarlo completamente dall’organismo. Mi permetto di osservare che con l’estate in arrivo un bel taglio ai capelli oltre che irrobustirli, le farà patire di meno il caldo. Spero di esserle stata di aiuto, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti