In ansia per sapere se è incinta

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 15/07/2020 Aggiornato il 15/07/2020

Non ha alcuna utilità (salvo diversa indicazione del ginecologo curante) effettuare il dosaggio dell'ormone beta-hCG nel sangue, per scoprire se una gravidanza è iniziata: un semplice test fai-da-te da eseguire sulle urine basta allo scopo.

Una domanda di: Luisa
Salve oggi 14 luglio mi doveva venire il ciclo ma non è arrivato: ho fatto la beta ed è risultato un valore di 16. Cosa può essere? Se la ripeto tra due giorni può salire e se accade vuol dire che sono
incinta? Risponda, la prego ho tanta ansia, lo desidero tanto. Grazie.

Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Gentile signora, un unico valore dell’ormone beta-hCG da solo non dice nulla perché quello che conta, per stabilire se una gravidanza è evolutiva, è l’aumento del valore con il passare dei giorni. Per scoprire se una gravidanza è iniziata non è necessario fare l’esame del sangue, ma è sufficiente – e consigliabile – effettuare il semplice test sulle urine, usando il kit-fai-da te. Le consiglio quindi di lasciar perdere il dosaggio nel sangue, salvo diversa indicazione del suo ginecologo (ma mi sembra di
aver capito che lei stia agendo di sua iniziativa) e di effettuare il test di gravidanza sulle urine. Il risultato che si ottiene è sicuro, i test sono molto precisi e affidabili. Se è incinta lo saprà subito. In generale, il valore dell’ormone beta-hCG comincia a essere significativo, cioè a esprime la gravidanza a partire da 25 mU/ml. Comunque in una donna non incinta i valori sono al di sotto di 5, quindi il valore che lei riferisce potrebbe (potrebbe, non è una certezza) segnalare la gravidanza. Faccia il test sulle urine subito e si toglierà il dubbio. Mi faccia sapere. Auguri.
Auguri

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Risvegli notturni dopo mesi di sonno tranquillo

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Può capitare che a nove mesi inizino i risvegli notturni: possono esserne corresponsabili l'ansia da separazione e la dentizione.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti