In ansia perché non ha sintomi

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 27/03/2021 Aggiornato il 27/03/2021

Ogni gravidanza costitusce una storia a sé, quindi non ci si deve preoccupare se non compaiono i sintomi "tradizionali" che, appunto, non è automatico si manifestino sempre e comunque in tutte le donne.

Una domanda di: Nicol
Ho avuto ultimo ciclo il 15 di febbraio, ho effettuato esame del sangue per il dosaggio dell’ormone beta-hCG martedi 23 ottenendo questo valore: 5849. Ho la pancia molto dura e gonfia, non ho male al seno e non è nemmeno gonfio e i capezzoli sono del colore normale…Devo fare il secondo prelievo lunedì e la prima visita giovedì 1 aprile. Sono preoccupata più che altro per la mancanza di sintomi evidenti.
Grazie mille per la sua risposta.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
non tutte le gravidanze danno luogo agli stessi sintomi e non è neppure così automatico che i sintomi si manifestino. Per quanto riguarda il prossomo prelievo per il dosaggio delle beta-hCG non c’è alcun bisogno di ripeterlo se non è stato il suo medico a prescriverglielo specificatamente. Mi spiego meglio: per scoprire se una gravidanza è iniziata è più che sufficiente il normale test che si effettua sulle urine. Dopodiché si esegue l’ecografia, giustamente intorno alla sesta settimana. Ovvio che se è stato il suo curante a dirle di eseguire questi prelievi deve senza dubbio ascoltarlo perchè avrà le sue buone ragione, ma se si tratta di una sua iniziativa può tranquillamente lasciar perdere e attendere con serenità il controllo del primo aprile. Non ha senso, infatti, se non esistono precise ragioni mediche (ma di questo lei non mi parla), medicalizzare troppo la gravidanza. E’ una buona cosa invece attendere con serenità che il tempo trascorra: la gravidanza è un evento naturale e come tale andrebbe vissuto, utilizzando il supporto della medicina solo quando davvero serve, perché diversamente si rischia di vivere il periodo costantemente in preda all’ansia. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccini tetravalente ed esavalente e possibili effetti indesiderati

06/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Qualsiasi vaccino dà luogo a effetti indesiderati che comunque sono molto meno gravi di quanto potrebbero essere le conseguenze della malattia contro cui vengono effettuati.  »

Bimbo che vuole mangiare solo pochi alimenti

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Occorre stare molto attenti a non trasformare l'ora dei pasti in un momento in cui il bambino tiene in pugno tutta la famiglia e il modo migliore per evitarlo, favorendo un rapporto sereno con il cibo, è mostrare indifferenza se rifiuta una cibo e zero esultanza se, invece, lo mangia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti