In base alla data del parto si può individuare il giorno del concepimento?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 17/03/2022 Aggiornato il 17/03/2022

Individuare il girono esatto del concepimento non è possibile, sopratttutto se si hanno più rapporti sessuali ravvicinati.

Una domanda di: Vanessa
Salve volevo sapere se tramite il giorno di nascita sia possibile sapere il concepimento se c’è stato con i rapporti di aprile o maggio? Ultima mestruazione 9 maggio data parto 13 febbraio che è la stessa data di quando finivo il tempo però mi hanno dato il parto indotto.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Cara signora, lei continua a scriverci e noi più volte le abbiamo risposto dicendole quale poteva essere in linea teorica la data del concepimento. Ancora una volta le diciamo che, secondo un calcolo teorico, e presupponendo un ciclo di 28 giorni, partendo dalla data presunta del parto (13 febbraio 2022) il concepimento dovrebbe essere avvenuto a maggio 2021. La gravidanza dura infatti mediamente 266 giorni a partire dal giorno del concepimento. Ma come già le abbiamo detto, sono calcoli solo teorici perché le variabili che entrano in gioco per determinare il giorno dell’ovulazione sono numerose e quindi le probabilità che anticipi o ritardi rispetto alla data PRESUNTA, basata su un ciclo della durata media di 28 giorni, sono relativamente alte. In più il parto indotto non aiuta, perché la gravidanza non si è conclusa spontaneamente. In ogni caso, per sapere chi è il padre del proprio bambino con sicurezza c’è solo un modo: effettuare il test del DNA. Qualsiasi altro conteggio, in caso di rapporti sessuali affrontati con due uomini diversi a poca distanza gli uni dagli altri, non può fornire un risultato attendibile al 100 per cento. La prego quindi di prendere in considerazione l’opportunità di effettuare il test del DNA su suo figlio, così si toglierà definitivamente ogni dubbio perché per quanto ponga la domanda in modo diverso a più specialisti non riuscirà mai a ottenere la risposta esatta che cerca. Se deciderà per questa strada, l’unica percorribile per placare l’ansia che evidentemente la divora, contatti un laboratorio di analisi e riceverà tutte le istruzioni del caso. Le auguro che il risultato sia quello in cui spera. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mancato accollamento: è sempre necessario assumere progesterone?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Si parla di "mancato accollamento" quando la parete esterna del sacco gestazionale (corion) non è del tutto adesa alla mucosa uterina: la condizione può risolversi anche solo evitando strapazzi fisici, ovvelo col riposo relativo.  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti