In cerca di un bimbo a 25 anni

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 26/08/2019 Aggiornato il 26/08/2019

Una coppia giovane e sana di norma riesce a concepire nell'arco di massimo un anno (spesso molto prima) senza dover ricorrere a particolari accorgimenti.

Una domanda di: Aisha
Sono una ragazza di 25 anni in cerca di una gravidanza, io e il mio fidanzato abbiamo provato due mesi senza sapere effettivamente i giorni in cui avere rapporto. In questo mese di agosto con ultimo ciclo 30 luglio, abbiamo utilizzato i test di ovulazione della clearblue, mi ha dato due giorni di fertilità massima cioè l’ovulazione.
Mi dovrebbero arrivare oggi (lunedì) ma a dire la verità già da settimana scorsa ho crampi dolori, il seno oggi fa più male dei altri giorni.
Volevo chiederle quante probabilità abbiamo di concepire?
Ho in ciclo regolare che varia tra 27 e 28.

Cordiali saluti.

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
i sintomi che lei descrive potrebbero essere dovuti a una gravidanza ma anche ad altro, per esempio alla sindrome premestruale. Posto questo, già da oggi, se le mestruazioni non dovessero arrivare può fare il test di gravidanza, ottenendo un risultato sicuro. Per quanto riguarda il momento migliore per concepire, posso dirle che a mio avviso una coppia giovane e sana non occorre che ricorra ai test ovulatori per centrare l’obiettivo. In generale, tre rapporti alla settimana per tutto l’arco del mese consentono alla maggior parte delle coppie di dare inizio alla gravidanza nell’arco di massimo un anno (vale ovviamente in assenza di problemi di infertilità, anche semplicemente legati all’età anagrafica). Una buona conoscenza del proprio corpo permette inoltre alla donna di riconoscere i giorni fertili grazie alla presenza del muco fertile, una secrezione per consistenza simile alla chiara d’uovo (chiara, trasparente, filante) che favorisce la risalita degli spermatozoi nelle tube dove avviene il concepimento. Direi comunque che la cosa migliore è vivere la ricerca del bambino con spontaneità, senza l’ansia del risultato che, paradossalmente, può ostacolare il concepimento per via dello stress che genera. Le auguro che il suo desiderio si avveri al più presto: mi faccia sapere. Tanti cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti