In che settimana di gravidanza sono?

Dottor Claudio Ivan Brambilla
A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla
Pubblicato il 13/01/2019 Aggiornato il 13/01/2019

La datazione dell'epoca di gravidanza si può ottenere con precisione grazie all'ecografia. Per sapere indicativamente la settimana di gravidanz aè sufficiente comunque il calcolo tradionale, basato sulla data di inizio dell'ultima mestruazione.

Una domanda di: Romina
Il mio ultimo ciclo è stato verso metà ottobre. Oggi ho fatto il test delle beta e il risultato è stato di 125266.0: a quante settimane corrispondono? È giusto il valore per le settimane a cui sono? Grazie mille.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
il valore del beta-hCG infatti non è sufficiente per datare la gravidanza in quanto, a parità di condizione favorevole, è variabilissimo in ogni settimana di gestazione. Aggiungo anche che il dosaggio del beta-hCG nel sangue ha un suo senso solo se viene ripetuto alcune volte: quello che è infatti importante per comprendere se la gravidanza sta evolvendo è che il valore aumenti con il passare dei giorni. In generale, non ci sono indicazioni per sottoporsi di routine all’esame del sangue per il dosaggio delle beta: per sapere se la gravidanza è iniziata basta il tradizionale test fai-da-te da effettuare sulle urine. La datazione precisa viene invece fatta successivamente attraverso l’ecografia. Comunque sia, fino a quando non si esegue l’ecografia la settimana di gravidanza si stabilisce usando la convenzione ostetrica, secondo cui il calcolo si fa partendo dalla data di inizio dell’ultima mestruazione. Se la sua ultima mestruazione è stata, da quanto scrive, il 15 ottobre, domani 14 gennaio lei terminerà la 13ma settimana di gravidanza ed entrerà nel secondo trimestre. E’ più che opportuno che lei a questo punto fissi un controllo dal ginecologo sia per valutare l’andamento della crescita del suo piccolino attraverso l’ecografia, sia per farsi prescrivere le analisi del sangue che si ritiene consigliabile effettuare sulle donne che aspettano un bambino. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.


Scrivi a: Claudio Ivan Brambilla
Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Capricci: aiuto, non so gestirli!

La corretta gestione dei capricci è di fondamentale importanza sia per insegnare che esistono regole che non si possono tragredire sia per favorire la resilienza, che è la preziosa capacità di sopportare le frustrazioni e di affrontare le condizioni stressanti rimanendo il equilibrio.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti