Incinta a 42 anni: quali consigli seguire?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 09/07/2021 Aggiornato il 09/07/2021

Uno stile di vita sano, che vuol dire no fumo no alcol no stress e sì al movimento regolare e a un'alimentazione varia e ragionevolmente calorica, limita i rischi insiti in una gravidanza che inizia dopo i 40 anni.

Una domanda di: Grazia
Sono una donna di 42 anni alla nona settimana di gravidanza. Sono

riuscita ad avere il mio primo positivo grazie alla fecondazione assistita

poiché ho scoperto di soffrire di endometriosi. Vorrei avere il suo parere

circa le possibilità di portare a termine questa gravidanza, tenuto conto

della mia età e della mia malattia. Gradirei anche qualche consiglio per

vivere un pochino più serenamente questa delicatissima fase della mia

gestazione.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, intanto direi di rallegrarsi per questa vita che ha iniziato a crescere in lei…essere mamma è davvero un miracolo incredibile, di cui dovremmo stupirci ad ogni risveglio!
Poi mi permetto di sottolineare come l’endometriosi sia sì una malattia che ostacola la fertilità e quindi la possibilità di rimanere gravida, ma ora che lei sarà prima in dolce attesa e poi in allattamento, non solo possiamo metterla per così dire tra parentesi, ma ci aspettiamo anche un possibile miglioramento dovuto alla prolungata assenza del ciclo mestruale.
Rimane “solo” il tema dell’età e su quello direi che non possiamo farci molto…anche se ogni donna è a sé e non sempre l’età anagrafica corrisponde a quella biologica: conta molto lo stile di vita! Sto pensando per esempio all’utilizzo di fumo, alcol, allo stress, al ritmo sonno-veglia, all’alimentazione…sono tanti i fattori che ci possono mantenere per così dire giovani e in salute!
Per vivere serenamente tutta la gravidanza io consiglio di avvalersi del sostegno di una brava ostetrica: sono capaci, più di noi medici, di aiutare le donne a scoprire le loro energie e risorse interiori (così spesso sottostimate!)
Spero di averla rincuorata e naturalmente resto a disposizione se desidera.
Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Reazioni cutanee dopo una puntura di insetto

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

A volte a scatenare reazioni sulla pelle può essere anche l'applicazione dell'antistaminico in crema.  »

Gravidanza e scomparsa improvvisa dei sintomi

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è automatico che la scomparsa dei sintomi tipici della gravidanza sia brutto segno.   »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti