Incinta di nuovo a 3 mesi dal parto

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 06/12/2022 Aggiornato il 06/12/2022

Con la ripresa dei rapporti sessuali, è senz'altro possibile dare inizio a una gravidanza anche se si è partorito da poco.

Una domanda di: Federica
Ho partorito la mia bimba il 23/08/2022. Partito capoparto subito dopo taglio cesareo durato 40 giorni poi il 29/10/2022 è partito il ciclo vero e proprio…il 21/11/2022 pensavo mi fosse di nuovo partito il ciclo ma mi è durato tre giorni con poco sangue come se stesse appunto iniziando… Domenica 4/12/2022 ho eseguito un test di gravidanza casalingo dato positivo con due belle linee rosse mentre quello di stamattina aveva una linea più lieve ma sempre positivo…oggi pomeriggio ho fatto un’eco in consultorio dove mi è stato detto dal medico che non si vede nulla nemmeno la camera gestazionale nonostante io dovrei essere già alla sesta settimana: può essere possibile che fossi già incinta e il 21/11/2022 ho avuto aborto con poco sangue e ad oggi nelle urine ci siano ancora la beta hcg?! Può essere che impiega a scendere il valore?! Se fosse una gravidanza extrauterina lo avrebbe visto oggi il medico con l’eco transvaginale?! Sono preoccupata anche perchè richiederei una IVG ma ho paura se è una gravidanza extrauterina però credo il medico l’abbia visto oggi: se fosse così mi dica qualcosa al più presto. La ringrazio tantissimo.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, nel puerperio è possibile, ovviamente se ha ripreso ad avere rapporti, che possa essere partita una gravidanza. Come noto, la gravidanza è ecograficamente visualizzabile nel momento in cui il dosaggio delle beta nel sangue supera il valore di 1500/2000. Per questo motivo il solo test di gravidanza precoce in una situazione come la sua legata ad un parto recente e attuale puerperio necessita di monitoraggio ecografico e biochimico per evidenziare la camera gestazionale e definire se l’impianto è regolarmente in utero, se fuori ( gravidanza extra uterina) oppure se si è avviata ma si è interrotta. Contatti quindi il suo specialista di riferimento per avere delucidazioni in merito. Per finire, guardi che il sanguinamento che si è manifestato subito dopo il parto cesareo che lei definisce capoparto non poteva essere il capoparto, ovvero la prima mestruazione dopo il parto, ma espressione delle cosiddette lochiazioni, che sono le perdite che appunto compaiono dopo un parto. Sperando di essere stato utile, la saluto con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti